Impianto fotovoltaico a cessione totale dell’energia. Cosa significa?

Impianto fotovoltaico a cessione totale dell’energia. Cosa significa?

Cosa significa per le imprese realizzare un impianto fotovoltaico a cessione totale dell’energia?

Home » Impianto fotovoltaico a cessione totale dell’energia. Cosa significa?

 

Il continuo aumento del costo dell’elettricità e dell’energia più in generale, complice anche la guerra tra Russia e Ucraina, sta dando una spinta importante alle rinnovabili. Tra queste, il fotovoltaico, ha registrato un vero e proprio boom , sia a livello domestico che industriale. In particolare, le imprese, sono i soggetti che potrebbero trarre i maggiori vantaggi, soprattutto da un punto di vista economico, dal ricorrere a queste energie.

Le imprese e le attività produttive hanno nella maggior parte dei casi dei consumi molto elevati di energia. Basti pensare alle imprese produttive che hanno necessità di alimentare i loro macchinari energivori per portare a termine il loro ciclo produttivo. Ma non solo, le imprese hanno anche delle tariffe diverse rispetto a quelle domestiche, più care.

Avere quindi una fonte di reddito certa, o comunque un modo per ridurre i propri consumi energetici a propria disposizione è senza dubbio un ottima strategia. Tutto ciò è possibile grazie ad un impianto fotovoltaico aziendale (di cui puoi scoprirne i vantaggi qui) che, come vedremo, può essere utilizzato sia per produrre l’energia necessaria al proprio fabbisogno, sia per produrre energia da rivendere. In particolare, realizzare un impianto fotovoltaico a cessione totale dell’energia ti permetterà di avere una fonte di reddito prevedibile e costante nel corso del tempo. Tempo che può essere paragonabile a quello della durata degli impianti fotovoltaici ovvero tra i 20 ed i 25 anni.

Ma cos’è un impianto fotovoltaico aziendale a cessione totale dell’energia?

Abbiamo cercato di fare il punto della situazione insieme ai nostri esperti qui di seguito.

Fotovoltaico e cessione in rete dell’energia

Prima di parlare di impianti fotovoltaici a cessione totale è forse necessario fare brevemente chiarezza sul concetto di cessione dell’energia.

Innanzitutto dobbiamo precisare che gli impianti che possono cedere energia elettrica alla rete nazionale sono quelli grid connected. Quelli stand alone infatti, non essendo connessi alla rete, sono in grado di produrre energia da autoconsumare. Quelli grid connected invece lavorano in regime di interscambio. In altre parole, quando l’impianto non riesce a produrre abbastanza elettricità da soddisfare i consumi, si preleva energia dalla rete elettrica nazionale. Quando invece la produzione dell’impianto eccede i consumi, l’energia in più viene immessa in rete.

A livello operativo si possono scegliere due strade:

  • Avere un impianto fotovoltaico sempre connesso alla rete in regime di scambio sul posto SSP che permette di produrre energia dal fotovoltaico, ma di usarla solo quando serve.
  • Avere un impianto in regime di cessione in rete che consuma l’energia autoprodotta e immette in rete quella eccedente, ma senza mai consumare energia fornita dalla rete nazionale. Il regime di cessione in rete” (o “ritiro dedicato”), è la vendita al Gestore dei Servizi Elettrici dell’energia prodotta.

La cessione totale di energia, come vedremo poi, è un caso particolare di quest’ultima strada.

impianto Fotovoltaico con autoconsumo: la cessione in rete

Un impianto fotovoltaico che permetta di autoconsumare l’energia prodotta dall’impianto può usufruire delle seguenti modalità di cessione in rete dell’energia elettrica:

  • Impianti di potenza non superiore a 200 kW che usufruiscono del servizio si scambio sul posto. In questo caso l’energia elettrica immessa in rete e non consumata nell’anno di riferimento dà diritto a un credito che può essere utilizzato nel corso dei tre anni successivi a quello in cui matura. Al termine de tre anni successivi, l’eventuale credito residuo viene annullato. Il credito in questione è in termini di energia non in termini economici;
  • Impianti di potenza superiore a 200 kW e per quelli di potenza fino a 200 kW che non accedono al servizio SSP. Tali impianti possono cedere in rete, vendendola, l’energia non consumata in loco.

Precisiamo inoltre che il regime si Scambio sul Posto sta per terminare la sua validità. Al suo posto, verrà esteso a tutti gli impianti il meccanismo del Ritiro Dedicato (di cui parliamo qui) ovvero una modalità semplificata di cessione dell’energia al GSE dietro corrispettivo economico.

Cessione Totale o Parziale o parziale dell’energia prodotta

Gli impianti fotovoltaici di potenza superiore a 200 kW e quelli che non accedono allo scambio sul posto possono quindi avvalersi della possibilità di cedere l’energia dietro un corrispettivo economico. Vendere l’energia prodotta con un impianto fotovoltaico o da fonti rinnovabili è vantaggioso nel caso in cui l’energia totale prodotta in un anno supera notevolmente quella consumata. In particolare, si parla di cessione totale dell’energia o parziale. Spieghiamo meglio questa differenza nel paragrafo qui di seguito.

  • La cessione parziale dell’energia è quando solo una parte dell’energia prodotta viene immessa in rete mentre il resto è autoconsumata. Potrebbe essere questo il caso di un’industria che utilizza molta energia per il proprio ciclo produttivo;
  • Si dice invece cessione totale dell’energia prodotta da un impianto fotovoltaico la casistica in cui non si verifichi autoconsumo di energia. E’ questo il caso dei parchi fotovoltaici oppure delle aziende i cui consumi sono irrisori rispetto alla produzione di energia del loro impianto fotovoltaico. In questo caso infatti, la vendita di energia è sufficiente a coprire le loro spese ed a generare un guadagno.

Modalità di vendita dell’energia

Sia la cessione totale dell’energia che quella parziale dunque prevedono la vendita dell’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico ed immessa in rete. Tale cessione può avvenire tramite due modalità:

  • Cessione indiretta, stipulando una convenzione di “ritiro dedicato” con il Gestore dei Servizi Energetici (GSE);
  • Cessione diretta sul mercato libero, che a sua volta si può effettuare attraverso due canali:
    – la vendita alla “Borsa Elettrica” (in pratica, il mercato elettrico organizzato dal GME, il Gestore dei Mercati Energetici)
    – la vendita direttamente a un grossista (“contratto bilaterale” stipulato sul mercato non regolamentato).

Il regime di cessione dell’energia elettrica mediante ritiro dedicato è una modalità semplificata a disposizione dei produttori per la vendita al GSE dell’energia elettrica immessa in rete, in altern ativa ai contratti bilaterali o alla vendita diretta in borsa.

Pronto a guadagnare tramite la cessione totale dell’energia prodotta dal tuo impianto fotovoltaico? Allora compila il modulo con i tuoi dati ed aspetta la chiamata di un nostro operatore per ricevere tutti i dettagli!

#gates-custom-66582bc023363 h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-66582bc023363 h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-66582bc023363 h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!


Compila il form con i tuoi dati
[/vc_row

Post your comments here

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Translate »
Apri la chat
Hai bisogno di aiuto ?
Ciao
Come posso aiutarti ?