Alla scoperta del credito d’imposta 6 % per impianto fotovoltaico industriale

Alla scoperta del credito d’imposta 6 % per impianto fotovoltaico industriale

Il funzionamento del credito d’imposta 6 % per impianto fotovoltaico industriale nel 2022

Home » Alla scoperta del credito d’imposta 6 % per impianto fotovoltaico industriale

 

Sono tante le agevolazioni concesse alle aziende che scelgono di installare un impianto fotovoltaico con determinate caratteristiche tecniche. Agevolazioni e credito d’imposta al 6 % per l’installazione di un impianto fotovoltaico industriale che sono fondamentali per fronteggiare il problema dei rincari sulle bollette e raggiungere l’indipendenza energetica.

I benefici attualmente in vigore includono anche il credito d’imposta con l’applicazione dell’aliquota al 6% (prima era al 10%). Attraverso questa aliquota è possibile ammortizzare l’investimento effettuato e fare in modo che, in definitiva, l’impianto possa essere ripagato da solo.

A differenza di quello che si potrebbe pensare, l’accesso al credito non è molto semplice, in quanto bisogna rispettare vari parametri e affrontare un preciso iter burocratico.

Per questo il supporto dei professionisti di Solar Cash si rivela determinante. Solo così potrai scoprire le soluzioni maggiormente in linea con le specifiche esigenze e ottenere al contempo il ritorno dell’esborso nel giro di un paio di anni al massimo.

Nuove agevolazioni per il fotovoltaico e credito d’imposta 6% per impianto fotovoltaico industriale

Nell’ultimo periodo la quasi totalità degli imprenditori italiani cerca metodi per poter risparmiare e contenere in modo significativo la spesa sull’energia elettrica. Tale spesa infatti tende a salire vertiginosamente, specialmente in seguito al conflitto che vede come protagonisti Russia e Ucraina, ma che si sta ripercuotendo sul resto d’Europa.

Ecco, quindi, che tantissime aziende stanno optando per l’installazione dell’impianto fotovoltaico. Decisione che implica comunque una certa ponderazione e non può essere intrapresa a cuor leggero. Del resto un fotovoltaico, per soddisfare esigenze produttive diversificate, dovrà assicurare elevata potenza e l’acquisto comporta somme che non sono così accessibili. La riduzione dei prezzi sui componenti e sugli accumulatori, pur consistente, non è ancora tale da installare un impianto fotovoltaico a cuor leggero.

La buona notizia è che gli impianti fotovoltaici vengono equiparati ai beni strumentali materiali. Questi sono quei beni che sono impiegati per svolgere l’attività lavorativa e il cui costo potrà essere portato in detrazione attraverso il credito d’imposta al 6 % per tutto il 2022.

Ma come funziona esattamente questo beneficio e come viene applicato?

Proseguendo con la lettura sarà possibile avere le idee più chiare sull’argomento e scoprire come semplificare i passaggi per risparmiare nel breve e lungo periodo.

Il credito d’imposta 6 % previsto all’interno del Piano di Transizione 4.0

Alla luce di quanto già chiarito, la normativa italiana prevede diverse agevolazioni per le aziende che acquistano beni strumentali e, più nello specifico, impianti fotovoltaici che sfruttano le energie rinnovabili e migliorano l’efficienza produttiva nel complesso. Questi benefici sono stati previsti proprio allo scopo di incentivare la transizione ecologica e favorire l’autoconsumo energetico.

Lungo tale prospettiva merita di certo una segnalazione il Piano di Transizione 4.0 relativo ai beni materiali e immateriali grazie ai quali si potrà avviare la trasformazione digitale e tecnologica delle realtà commerciali. Proprio questa misura prevede il credito d’imposta con l’applicazione dell’aliquota al 6% per tutte le aziende che provvederanno all’installazione dell’impianto fotovoltaico. In ogni caso bisogna rispettare un limite di spesa che è stato fissato a 2 milioni di euro.

La misura in questione si sostituisce al Super Ammortamento, grazie al quale era possibile ricorrere alla deducibilità fiscale fino al 130% nel caso di acquisto di beni strumentali. Allo stato attuale, pertanto, resta ferma l’opportunità di applicare la compensazione, quindi di ottenere una riduzione immediata sull’imposta da spalmare nell’arco di 5 anni.

Un esempio per comprendere meglio

Per capire esattamente di cosa si sta parlando sarà possibile prendere come esempio un’impresa che decide di acquistare il fotovoltaico nel 2022 spendendo la somma di 600.000 euro. In questo caso il credito d’imposta 6% spettante per l’investimento sul bene strumentale sarà pari a 34.000 €.

A questo importo sarà poi necessario sommare tutto il risparmio ottenuto dal non aver consumato energia elettrica. Risparmio che dovrà poi essere moltiplicato per almeno 20 anni, ovvero il periodo in cui sono garantiti gli impianti fotovoltaici.

Quali benefici si ottengono con il fotovoltaico aziendale

Gli imprenditori che decidono oggi di investire sull’acquisto dell’impianto fotovoltaico sanno bene di poter contare sulla massima convenienza, anche a prescindere dagli incentivi attualmente in vigore. Sicuramente l’accesso agli sgravi rappresenta un’opportunità da non perdere perché assicura un ritorno della spesa affrontata in tempi più rapidi. Tuttavia, gli aspetti positivi del fotovoltaico abbracciano anche diversi ambiti.

Questi impianti, infatti, diventano sempre più appetibili perché il prezzo dei pannelli è in netto calo. Un fattore che consente di abbattere ulteriormente la spesa necessaria per la fornitura elettrica. Le imprese che necessitano di molta elettricità per poter avviare la produzione potranno abbassare il costo delle bollette. Soprattutto quando l’impianto verrà dimensionato in maniera opportuna per favorire l’autoconsumo. A tutto ciò bisogna aggiungere che l’energia prodotta in esubero potrà essere ceduta, quindi venduta per trarre un profitto.

Occorre poi far presente che i beni strumentali ai quali si riferisce il Piano di Transizione 4.0 non sono solo gli impianti fotovoltaici, ma anche quelli di cogenerazione. Tali impianti consentono di mettere in vendita le scorte energetiche che non vengono consumate. Questi speciali impianti oggi vengono applicati in tanti settori industriali e produttivi, si pensi al comparto alimentare, a quello manifatturiero o sanitario. C’è comunque una condizione da dover rispettare, ovvero che l’impresa sia contraddistinta da un fabbisogno energetico e di calore.

Contrastare i costi energetici delle imprese con il fotovoltaico

La spesa energetica per le imprese sta diventando fin troppo onerosa e per questo è meglio non farsi trovare impreparati. D’altronde, il costo della materia prima non sembra destinato a scendere. Le difficoltà che gli imprenditori italiani stanno attraversando si possono superare con successo puntando sulle energie rinnovabili. Con esse infatti sarà possibile produrre a basso impatto ambientale e senza dover più ricevere bollette salate.

Installare un impianto fotovoltaico aziendale non è un passo che può essere fatto senza aver compiuto delle preliminari valutazioni e considerato la possibilità di ottenere il credito d’imposta 6 %. Occorre infatti una consulenza mirata, anche per capire come modulare al meglio l’impianto per ottenere il massimo rendimento.

Gli imprenditori italiani non sanno come destreggiarsi con la normativa di settore e quale tipo di impianto possa soddisfare appieno le specifiche aspettative in termini di abbattimento dei consumi. Per questo è fondamentale affidarsi a mani esperte e richiedere il supporto specialistico di Solar Cash.

Così facendo sarà possibile investire su un impianto fotovoltaico dimensionato in maniera adeguata, grazie al quale beneficiare non soltanto di una riduzione delle bollette, ma anche del credito d’imposta da distribuire nel corso di cinque anni. In questa maniera la spesa per l’acquisto dell’impianto diventerà sicuramente meno pesante, soprattutto per tutte quelle imprese che hanno problemi di liquidità immediata.

Accesso al credito d’imposta 6 %

Quando arriva il momento di comprare un impianto fotovoltaico per la propria azienda il fai da te è sempre fortemente sconsigliato. Il rischio di non portare a termine gli adempimenti prescritti in maniera corretta è abbastanza alto. Meglio quindi non correre questo rischio dal momento che potresti perdere sgravi e il credito d’imposta 6 %. Per eliminare a monte ogni inconveniente sarà sempre possibile entrare in contatto con Solar Cash, quindi compilare l’apposito form di seguito con tutti i dati necessari e attendere la chiamata di un operatore.

Così facendo si potranno scoprire le varie soluzioni maggiormente in linea con le specifiche esigenze, capire entro quanto tempo ammortizzare il proprio impianto e poter risparmiare da subito. Il fotovoltaico, in definitiva, sarà la scelta vincente per contrastare il caro bollette e produrre energia in maniera autonoma.

Se sei interessato a ridurre i costi energetici della tua impresa compila il modulo che trovi qui sotto con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!

#gates-custom-62c1c1cc71470 h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-62c1c1cc71470 h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-62c1c1cc71470 h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!


Compila il form con i tuoi dati

Post your comments here

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Translate »
Apri la chat
hai bisogno di aiuto ?
Ciao
Come posso aiutarti ?