Agevolazioni fotovoltaico aziende 2023: quali potrebbero rimanere in vigore?

Agevolazioni fotovoltaico aziende 2023: quali potrebbero rimanere in vigore?

Agevolazioni fotovoltaico aziende 2023: Il punto su quelle che potrebbero essere valide anche il prossimo anno

Home » Agevolazioni fotovoltaico aziende 2023: quali potrebbero rimanere in vigore?

 

La mancanza di informazioni concrete, semplici e precise, oltre la difficoltà a reperirle, rende piuttosto difficile destreggiarsi tra norme e bandi. In questo modo è davvero difficile per gli imprenditori come te capire quali possono essere le agevolazioni fotovoltaico aziende 2023.

Tra l’altro, quella di usufruire di agevolazioni fotovoltaico aziende 2023 è una questione di fondamentale importanza. Il prezzo dell’energia infatti, dopo la fine delle misure di lockdown e con l’inizio del conflitto tra Russia e Ucraina, non ha fatto altro che salire. Rispetto al 2019, alcune imprese si sono trovate a pagare fino a 3 o 4 volte di più le loro bollette della luce. Una spesa che rischia seriamente di far chiudere molte di queste attività, già messe a dura prova dalla pandemia. Installare un impianto fotovoltaico quindi, specie sfruttando le agevolazioni in vigore, è l’unico modo certo di ridurre i consumi e quindi risparmiare sulle bollette. Risparmi che, uniti ai guadagni di un impianto fotovoltaico, possono far diminuire e non di poco il tempo di rientro dall’investimento.

Per questi motivi, noi di Solar Cash, abbiamo ritenuto opportuno fare il punto della situazione sugli incentivi per gli impianti fotovoltaici per le aziende del 2022. Incentivi che, a meno di clamorose novità, dovrebbero essere in vigore anche il prossimo anno.

Un impianto fotovoltaico aziendale costituisce un vantaggio enorme per tutte le aziende che sono stufe di spendere migliaia di euro in bolletta ogni mese. Un impianto fotovoltaico, se adeguatamente progettato e realizzato ed a patto di avere sufficiente superficie, permette all’azienda di coprire autonomamente almeno il 60% del proprio fabbisogno energetico. In pratica in questo modo la tua azienda potrebbe rendersi per buona parte  indipendente dal sistema di distribuzione energetica nazionale. Perché dunque non ottenere questo vantaggio sfruttando anche le agevolazioni fotovoltaico aziende 2023?

Se sei titolare di un’azienda e stai cercando informazioni concrete sui pannelli fotovoltaici e sugli incentivi di cui puoi usufruire, quanto segue ti interesserà sicuramente.

Tutte le agevolazioni fotovoltaico aziende 2023 che sono valide in questo momento

Vediamo ora di fare chiarezza sugli incentivi per impianto fotovoltaico per le aziende italiane che è possibile ottenere in questo momento e quelle che potrebbero essere in vigore nel prossimo anno.

1. Agevolazioni fotovoltaico aziende 2023: Credito d’imposta al 6%

La Legge Bilancio del 2022 ha ridotto il precedente credito d’imposta al 10% al 6% (per approfondire clicca qui). Il massimale è però rimasto invariato ed ammonta a 2 milioni di euro.

Questo significa che se vuoi installare un impianto fotovoltaico per la tua azienda potrai usufruire di questo incentivo se il progetto prevede un costo inferiore ai 2 milioni di euro. Il credito d’imposta che otterrai così è valido fino al 31/12/2022. Tuttavia se avrai versato un acconto per la realizzazione di questo impianto pari al 20% entro la fine del 2022 potrai usufruire di questo incentivo fino al al 30/06/2023.

Il credito sarà disponibile per tutte le aziende: a cambiare saranno però le modalità di ricezione a seconda del fatturato delle stesse. In particolare le modalità saranno le seguenti:

  • aziende con un fatturato annuo inferiore a 5 milioni di euro hanno diritto a un’unica quota annuale di compensazione;
  • le aziende con un fatturato annuo superiore ai 5 milioni di euro, invece, riceveranno una compensazione ripartita in 3 quote annuali di pari importo, a partire dall’anno di entrata in funzione dell’impianto fotovoltaico.

2. Reverse Charge

Il reverse charge, introdotto per contrastare il fenomeno dell’evasione IVA, consiste nell’applicazione dell’imposta dal venditore al compratore, e resta invariato anche per il 2022.

Tale meccanismo fiscale permette alle aziende come la tia che acquistano un impianto fotovoltaico di essere esentate dal pagamento immediato dell’IVA. In questo modo, le aziende possono beneficiare di tempi e modi più accomodanti per effettuare il pagamento dell’IVA allo Stato.

Al momento non è dato sapere se questo incentivo rientri fra le agevolazioni fotovoltaico aziende 2023. Tuttavia siamo fiduciosi che venga prorogato entro la fine dell’anno.

3. Nuova Sabatini

Il provvedimento denominato “Nuova Sabatini” (di cui parliamo qui), è finalizzato a migliorare l’accesso al credito delle piccole e medie imprese. Questo credito dovrebbe però essere utilizzato per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature, era stato confermato fino al 31 dicembre 2021.

Con la nuova Legge di Bilancio questo incentivo resta in vigore anche nel 2022. La stessa Legge ha però introdotto una semplificazione. Il finanziamento per le PMI sarà sempre ripartito in sei quote ma la possibilità di versamento dell’intera somma dei prestiti è estesa a qualsiasi cifra compresa tra i 20 mila e i 4 milioni di euro. Il finanziamento dovrà comunque avere una durata non superiore a 5 anni. I settori produttivi che possono beneficiari di questa agevolazione sono praticamente tutti, anche agricoltura e pesca. Le uniche eccezioni sono le attività finanziarie e assicurative o le attività connesse all’esportazione.

Al momento non c’è nessuna dichiarazioni di intenti del governo che lascia intendere che questa agevolazione fotovoltaico aziende rimanga in vigore anche nel 2023. Tuttavia una cosa è certa: come saprai benissimo le imprese hanno bisogno di sostegno, così come lo stato ha bisogno di ridurre le emissioni di CO2 per rispettare gli accordi presi in sede europea. Probabile quindi che questa agevolazione venga comunque prorogata.

4. Decreto FER1

Il Decreto FER1 è un’agevolazione fiscale fotovoltaico per le aziende che intendono installare impianti fotovoltaici tri 20 kW ed 1MW. Per poter beneficiare di questa agevolazione in questo momento è necessario che tu iscriva la tua impresa in un apposito registro. Una cosa da poco se pensi al guadagno che potrai ottenere in base alla quantità di energia che la tua imprese reimmetterà in rete. Tale quantità sarà calcolata e remunerata in base a criteri specifici.

Precisiamo inoltre che il Decreto si rivolge alle aziende che vogliono sostituire le coperture dei propri edifici in amianto o in eternit con pannelli fotovoltaici, così da produrre energia pulita.

Il Decreto FER1 è oramai scaduto ma lo abbiamo inserito tra le agevolazioni fotovoltaico imprese 2023 perché attualmente è in studio un Nuovo Decreto FER1 che potrebbe confluire in un ver e proprio decreto FER2.

Fine dello scambio sul posto e le agevolazioni fotovoltaico aziende 2023 per le comunità energetiche

Tra le agevolazioni per impianti fotovoltaici vi rientra, anche il cosiddetto Scambio sul Posto. Si tratta di un ulteriore incentivo sia per le aziende, sia per i privati valido a livello nazionale fino alla fine del 2022. Si tratta di uno strumento di immagazzinamento energetico, grazie al quale l’azienda o il privato può vendere al sistema nazionale l’energia prodotta in eccesso e non autoconsumata. L’erogazione del contributo è effettuata dal GSE in conto scambio sia su base semestrale, in caso di acconto, sia su base annuale, in caso di conguaglio.

Tuttavia questa agevolazione è in scadenza. Dal 31 dicembre 2022 non sarà più possibile richiedere lo scambio sul posto. Solo gli impianti che già ne fruiscono potranno continuare a goderne fino a dicembre 2024.

Lo scambio sul posto lascerà quindi il posto a nuove agevolazioni fotovoltaico aziende 2023: ovvero quelle previste per le comunità energetiche. Tali agevolazioni, cumulabili in ogni caso con quelle per l’installazione degli impianti fotovoltaici prevedono delle tariffe agevolate per il consumo di energia (12 c€ / kWh). Tali tariffe, se unite all’energia autoprodotta dall’impianto aziendale, generano ulteriori risparmi. Inoltre, l’energia non autoconsumata dalla comunità viene reimmessa in rete e viene pagata al produttore a un prezzo unitario fisso. Tale prezzo è lo stesso che viene riconosciuto dal RID (il Ritiro Dedicato equivale storicamente a circa 5 c€ / kWh).

In sostanza è possibile ottenere un guadagno di circa 17 c€ / kWh sull’energia prodotta e consumata all’interno della comunità. Molto più di quanto si poteva ottenere con lo Scambio sul Posto.

E ora che sei a conoscenza di tutte le agevolazioni fotovoltaico aziende 2023 contattaci compilando il modulo che trovi qui sotto ed aspetta la chiamata del nostro operatore! Ti illustreremo l’impianto fotovoltaico più adatto alla tua azienda.

#gates-custom-62f202d70b3cf h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-62f202d70b3cf h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-62f202d70b3cf h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!


Compila il form con i tuoi dati

Post your comments here

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Translate »
Apri la chat
Hai bisogno di aiuto ?
Ciao
Come posso aiutarti ?