Le misure del Decreto Sostegni per le imprese contro il caro bollette

Le misure del Decreto Sostegni per le imprese contro il caro bollette

Esaminiamo tutte le misure contro il caro bollette contenute nel Decreto Sostegni per le imprese

Home » Le misure del Decreto Sostegni per le imprese contro il caro bollette

 

Il Decreto Sostegni ter, conosciuto anche come dl 4/2022, pubblicato in Gazzetta lo scorso 27 Gennaio contiene delle misure di sostegno rivolte a tutti i cittadini italiani ed alle imprese. In questi approfondimento prenderemo in esame le misure contenute nel decreto Sostegni per le imprese contro il caro bollette.

I tanto temuti rincari sulle bollette per il costo dell’energia e del riscaldamento, di cui avevamo già parlato all’interno di queste pagine si sono infatti puntualmente verificati. Aumenti che in alcuni casi arrivano al 50% in più rispetto ai costi del 2019. Con aumenti così sostanziosi infatti le imprese, già provate dalla crisi post lock-down, dovranno sostenere dei costi sempre più elevati e sono in molto a rischiare di non sopravvivere.

Per questo motivo, il decreto sostegni ter per le imprese contiene delle misure che puntano a bloccare il costo dell’energia. Le misure individuate dal governo in aiuto alle imprese prevedono i seguenti passaggi:

  • azzeramento degli oneri di sistema;
  • credito d’imposta per energivori;
  • extra profitti rinnovabili del fotovoltaico.

Ma il decreto sostegni per le imprese non si limita a fornire degli aiuti a questi soggetti ma prevede anche delle misure per le famiglie. Le famiglie in difficoltà potranno avvalersi della possibilità di rateizzare le bollette relative al periodo gennaio-aprile spalmando l’importo dovuto in 10 rate. Certo, non è una misura definitiva, ma intanto può fornire un primo supporto alle difficoltà.

Ma in cosa consiste più di preciso il decreto sostegni per le imprese? Come si articolano in dettaglio le misure previste contro il caro bollette?

Abbiamo cercato di approfondire l‘analisi del decreto sostegni per le imprese in questo approfondimento a cura dei nostri esperti.

Decreto sostegni imprese ed azzeramento degli oneri di sistema contro l’aumento del costo dell’energia

L’azzeramento degli oneri di sistema delle bollette previsto dal decreto sostegni per le imprese stabilisce che l’ARERA annulli queste quote. In sostanza quindi ci sarà un abbattimento totale di quelli che vengono definiti come oneri generali di sistema applicati alle utenze con potenza disponibile superiore a 16,5 Kw. Questo azzeramento degli oneri però varrà solamente per i mesi di gennaio febbraio e marzo e quindi per il primo trimestre 2022..

La stessa misura sarà inoltre applicata anche per le utenze connesse in media e alta/altissima tensione ad utilizzo pubblico. Ne beneficeranno quindi le utenze dedicate all’illuminazione pubblica o per la ricarica di veicoli elettrici situati in luoghi accessibili al pubblico.

Per questa misura, il decreto sostegni per le imprese ha stanziato circa 1,2 miliardi di euro.

Previsto un credito d’imposta per le imprese dai consumi energetici alti

Le imprese energivore che hanno subito un aumento del costo per KWh superiore al 30% potranno usufruire di un credito d’imposta del 20% su tali spese. Per stabilire questo aumento dei costi è necessario però confrontare il primo trimestre 2022 e quello 2019.

Il credito d’imposta in questione non potrà essere ceduto e potrà quindi essere utilizzato solamente in compensazione e non concorre alla formazione del reddito d’impresa o della base imponibile IRAP.

Il credito d’imposta introdotto dal decreto sostegni per le imprese sarà inoltre cumulabile con altre agevolazioni che abbiano oggetto i medesimi costi, a condizione che l’importo finale non porti sul superamento del costo sostenuto. Per calcolare questo importo è inoltre necessario tenere conto della concorrenza alla formazione del reddito e della base imponibile dell’imposta regionale sulle attività produttive.

Il decreto sostegni per le imprese stanzia circa 540 milioni di euro per questa misura e stabilisce che ad effettuare i controlli sia il ministero dell’Economia e delle Finanze.

Caro bollette e la compensazione per il fotovoltaico

Questa misura del decreto sostegni per le imprese vincola gli operatori che stanno producendo energia senza sopportare gli effetti dell’eccezionale aumento del prezzo.

In particolare, costoro dovranno versare una differenza calcolata tenendo conto dei prezzi equi prima della crisi. Questa è ovviamente una misura legata all’emergenza che il settore economico italiano sta vivendo in questo periodo per questo ha una durata limitata: dal 1° febbraio al 31 dicembre 2022.

In questo lasso di tempo, gli impianti fotovoltaici di potenza superiore a 20kW e che beneficiano di tariffe fisse derivanti dal meccanismo del Conto Energia, quindi che non dipendono dai prezzi di mercato, è applicato un meccanismo di compensazione a due vie sul prezzo dell’energia affidato al GSE. Sarà inoltre questo organo a stabilire l’importo di queste tariffe fisse.

Sarà inoltre compito di ARERA disciplinare le modalità di attuazione di tale misura contenuta nel decreto sostegni ter. Disciplina che dovrà essere predisposta entro il prossimo 27 febbraio.

Se vuoi rimanere aggiornato sulle nuove detrazioni fiscali e le agevolazioni per la riqualificazione energetica delle imprese compila il modulo contatti che trovi in questa pagina con i tuoi dati!

#gates-custom-638e749a7f3b6 h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e749a7f3b6 h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e749a7f3b6 h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!


Compila il form con i tuoi dati

Post your comments here

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Translate »
Apri la chat
Hai bisogno di aiuto ?
Ciao
Come posso aiutarti ?