Solar Attack: arriva il bando della regione Umbria per il fotovoltaico in azienda

Solar Attack: arriva il bando della regione Umbria per il fotovoltaico in azienda

La regione Umbria ha pubblicato il bando Solar Attack stanziando 26 milioni di euro per sostenere gli investimenti delle imprese in rinnovabili.

Home » Solar Attack: arriva il bando della regione Umbria per il fotovoltaico in azienda

 

La crisi energetica si fa sentire sulle tasche delle famiglie ma soprattutto delle imprese italiane con particolare riferimento a quelle che risiedono in Umbria. Perugia infatti risulta la città italiana nella quale i rincari di luce e gas sono stati più elevati mettendo ancora di più a dura prova le tasche di imprenditori e famiglie.

Le istituzioni non sono rimaste a guardare gli effetti della crisi energetica ma sono passate all’azione cercando di dare una spinta alla transizione energetica delle imprese del territorio. In questo contesto si collocano le risorse stanziate dal bando Solar Attack approvato dalla Regione Umbria in questi giorni.

Proprio grazie al bando infatti i consiglieri regionali hanno destinato importanti risorse per la realizzazione di impianti per la produzione di energia elettrica derivante da fonte solare in modo da favorire l’autoconsumo energetico. Sono proprio gli impianti fotovoltaici installati su su edifici, pensiline o a terra e relativi ed eventuali sistemi di accumulo fino a 100 Kwh sono fondamentali per garantire un livello più alto di indipendenza energetica.

Ma cosa stabilisce il bando Solar Attack di preciso? Ne parliamo meglio qui sotto.

Il bando Solar Attack della regione Umbria in dettaglio

Il bando Solar Attack prevede incentivi diversi a seconda della “taglia” dell’investimento per la realizzazione degli impianti fotovoltaici per le aziende. Possono essere infatti incentivati impianti:

  • small: ovvero impianti fino a 75 kWp che prevedano un minimo di spesa di 20.000 €;
  • medium: ovvero impianti da 75 kWp a 150 kWp;
  • large: ovvero impianti di potenza superiore a 150 kWp per un contributo massimo di 150.000 €.

L’ammontare delle risorse del bando Solar Attack è poi suddiviso a sua volta in due categorie di beneficiari:

  • alle PMI spettano risorse per un ammontare pari a 20 milioni di € con diverse possibilità di usufruire dei fondi anche in base all’investimento da realizzare. Di questi 20 milioni, in particolare, 15 sono destinati al settore manifatturiero e 5 al settore turistico e commerciale.
  • alle Grandi imprese sono destinati invece i restanti 6 milioni di € per impianti fotovoltaici che prevedano un investimento che va dai 20.000 ai 2.000.000 di euro.

Spese ammissibili

Il bando Solar Attack ammette alla richiesta dei fondi tutte quelle spese sostenute per la realizzazione di impianti fotovoltaici e sistemi di
accumulo, che soddisfino il 120% dei consumi. In particolare vi rientrano le seguenti voci di spesa:

  • Progettazione: costi per progettazione, direzione lavori, eseguiti e fatturati da tecnico iscritto ad albo professionale o da altro soggetto abilitato, nel limite del 10% del costo dell’impianto fotovoltaico.
  • Materiali inventariabili: costi relativi all’acquisto di macchinari, impianti, attrezzature, componenti, nonché le relative spese di montaggio e allacciamento;
  • Lavori: costi relativi a opere edili, strettamente connesse e dimensionate, anche dal punto di vista funzionale, all’installazione degli impianti nel limite del 15% costo dell’impianto fotovoltaico che si intende installare.

Scadenze del Bando Solar Attack

Le domande per ottenere i fondi stanziati dal bando potranno essere compilate dal 25 gennaio 2023. Esse potranno inoltre essere inviate dalle ore 10:00 del 30 gennaio 2023 fino alle ore 12:00 del 28 febbraio 2023.

L’incontro con gli imprenditori

Solar Attack è stato spiegato nei dettagli il 28 novembre mattina nella sede perugina di Confindustria Umbria. Presenti all’incontro con gli imprenditori erano il presidente di Confindustria Umbria Vincenzo Briziarelli, il Senior Advisor per la Transizione Energetica di Confindustria Massimo Beccarello e l’Assessore regionale allo Sviluppo economico Michele Fioroni.

Briziarelli ha commentato:

“Si tratta di una misura importante che recepisce molte delle richieste formulate dalla nostre aziende associate e di un intervento tempestivo e consistente in termini di risorse stanziate. La dotazione complessiva è di 26 milioni di euro. Ogni iniziativa che affronti in modo serio la nostra carenza di produzione di energia è sicuramente ben accetta”.

Fioroni ha aggiunto puntando il dito:

“Nella politica energetica nazionale degli ultimi anni è mancata la capacità di programmare e fare scelte coraggiose. Nella manovra che sostiene fortemente l’autoconsumo c’è la volontà anche della Presidente Tesei. La manovra non ha mai previsto tante risorse sull’energia. Il solar attack è versatile e risponde alle varie esigenze delle imprese”.

Trovi maggiori dettagli sul bando Solar Attack cliccando qui!

E ora, se vuoi scoprire qualche informazione utile in più sugli impianti fotovoltaici per le aziende delle regione Umbria, non esitare a contattarci compilando il modulo che trovi qui di seguito.

#gates-custom-66287ccc5ed02 h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-66287ccc5ed02 h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-66287ccc5ed02 h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!


Compila il form con i tuoi dati

Post your comments here

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Translate »
Apri la chat
Hai bisogno di aiuto ?
Ciao
Come posso aiutarti ?