Agevolazioni imprese turistiche: in arrivo il superbonus hotel 80% e fondo di garanzia per le PMI

Agevolazioni imprese turistiche: in arrivo il superbonus hotel 80% e fondo di garanzia per le PMI

Lo scorso 6 novembre è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto per l’attuazione del PNRR che prevede l’istituzione del Superbonus hotel all’80% e di un fondo di garanzia per le PMI

Home » Agevolazioni imprese turistiche: in arrivo il superbonus hotel 80% e fondo di garanzia per le PMI

 

Il 2020 è stato un anno drammatico per il settore del turismo. La pandemia ha infatti colpito duramente il settore turistico ricettivo e molti altri settore dell’economia. Una situazione di emergenza che ha costretto il governo, Conte prima, Draghi poi, a prendere dei seri provvedimenti con misure volte al sostegno dell’economia. Misure che, fortunatamente, hanno incontrato il parere favorevole ed il supporto dell’Europa, e che si sono sostanziate nel tanto famoso PNRR.

Per facilitare la ricezione del Piano di Resistenza e Resilienza italiano che il governo Draghi ha ritenuto opportuno produrre un decreto legge volto alla semplificazione delle procedure per mettere in atto le misure contenute in esso. Decreto Legge, n.152, che è già entrato in vigore dal momento che è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 06.11.2021 n. 265.

Ed è proprio all’interno di questo decreto legge che sono contenute le nuove agevolazioni imprese turistiche che prevedono l’introduzione del Superbonus per gli hotel all’80% ed il nuovo fondo di garanzia per le PMI.

Vediamo in breve in cosa consistono queste agevolazioni imprese turistiche qui di seguito.

Agevolazioni imprese turistiche: il credito d’imposta

Gli obiettivi che il governo si propone di raggiungere attraverso queste nuove agevolazioni imprese turistiche sono sostanzialmente due. Il primo è indubbiamente quello di migliorare la qualità dell’offerta ricettiva delle strutture alberghiere in Italia anche tramite una loro ristrutturazione riqualificazione energetica e sismica. Il secondo, coerentemente a quanto stabilito dal  Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR misura 4.2.1) è quello di favorire la ripresa dell’economia.

Per questo motivo, a decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto (6/11/2021) e fino al 31 dicembre 2024, è riconosciuto un credito di imposta nella misura dell’80% per le spese ammissibili sostenute. Il credito d’imposta generato dall’accesso a questa agevolazione potrà essere ceduto a soggetti terzi, in linea con quanto già avviene per il superbonus 110%. La cessione del credito d’imposta è infatti una soluzione utile a minimizzare gli investimenti iniziali sui progetti finanziati. Soluzione su cui, noi di Solar Cash s.r.l. siamo specializzati.

Potranno fruire di questo credito d’imposta i seguenti soggetti:

  • imprese alberghiere,
  • strutture che svolgono attività agrituristica, come definita dalla legge 20 febbraio 2006, n. 96 e dalle pertinenti norme regionali,
  • strutture ricettive all’aria aperta,
  • imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale, ivi compresi gli stabilimenti balneari, i complessi termali, i porti turistici, i parchi tematici.

Gli interventi ammessi al Superbonus 80% alberghi

Le spese per cui sarà possibile usufruire queste agevolazioni imprese turistiche non sono solo per i lavori materiali ma riguardano anche il servizio di progettazione. Gli interventi da sostenere devono infatti rispettare i principi della “progettazione universale” di cui alla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità. In ogni caso gli interventi ammissibili alla detrazione sono i seguenti:

  • Riqualificazione energetica degli edifici (installazione di un impianto fotovoltaicosostituzione di un vecchio impianto di riscaldamento, realizzazione di involucri di isolamento termico, ecc.);
  • Miglioramento antisismico dell’edificio,
  • Eliminazione delle barriere architettoniche,
  • Manutenzione straordinaria
  • Ristrutturazione edilizia
  • Restauro e risanamento conservativo
  • Installazione di manufatti leggeri (anche prefabbricati)
  • realizzazione di piscine termali e acquisizione di attrezzature e apparecchiature per lo svolgimento delle attività termali, 
  • spese per la digitalizzazione previste dall’articolo 9, comma 2, del decreto legge 31 maggio 2014, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio 2014, n. 106.

Contributo a fondo perduto

Ma le agevolazioni per imprese turistiche previste dal Decreto Legge, n.152 non finiscono qui. E’ infatti previsto il riconoscimento di un Contributo a fondo perduto per un importo massimo pari a 40.000 euro. Un contribuito che sarà fruibile anche nel caso in cui l’impresa turistica non usufruisca del credito d’imposta di cui abbiamo parlato qui sopra.

I destinatari di questo contributo sono i medesimi della misura di cui abbiamo parlato qui sopra. Tuttavia, il contributo a fondo perduto può essere aumentato anche cumulativamente, come segue:

  • di una cifra che può arrivare ai 30.000 euro, se l’intervento prevede una quota di spese per la digitalizzazione e l’innovazione delle strutture in chiave tecnologica ed energetica di almeno il 15% dell’importo totale dell’intervento;
  • fino ad ulteriori 20.000 euro, qualora l’impresa o la società abbia i requisiti previsti dalle agevolazioni per: l’imprenditoria femminile, per le società cooperative e le società di persone, costituite in misura non inferiore al 60% da giovani, le società di capitali le cui quote di partecipazione sono possedute in misura non inferiore ai due terzi da giovani e i cui organi di amministrazione sono costituiti per almeno i due terzi da giovani, e le imprese individuali gestite da giovani, che operano nel settore del turismo. Per giovani si intendono tutte le persone con età compresa tra i 18 anni e 35 anni non compiuti alla data di presentazione della domanda;
  • ulteriori 10.000 euro, per le imprese la cui sede operativa è ubicata nei territori delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Agevolazioni imprese turistiche a breve ci saranno ulteriori notizie

Precisiamo che sebbene il decreto legislativo sia già stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, per il momento manca ancora la pubblicazione dell’avviso con le modalità di accesso a queste agevolazioni imprese turistiche. La pubblicazione di questo avviso dovrà avvenire entro 30 giorni dall’entrata in vigore del Decreto Legge n. 152 del 2021 e sarà il ministero del Turismo ad effettuarla.

Sono attese quindi ulteriori novità in merito alle agevolazioni imprese turistiche nei prossimi giorni. Novità che come sempre, non mancheremo di trattare tra le pagine di questo blog. 

Compila il form che trovi in questa pagina con i tuoi dati per rimanere aggiornato.

#gates-custom-62c1aa3b9f594 h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-62c1aa3b9f594 h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-62c1aa3b9f594 h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!


Compila il form con i tuoi dati

Post your comments here

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Translate »
Apri la chat
hai bisogno di aiuto ?
Ciao
Come posso aiutarti ?