Arriva la proroga cessione del credito e sconto in fattura!

Arriva la proroga cessione del credito e sconto in fattura!

La Legge di Bilancio 2022 proroga la cessione del credito e sconto in fattura al 2025 ma con più controlli!

Home » Arriva la proroga cessione del credito e sconto in fattura!

 

La tanto attesa proroga cessione del credito e sconto in fattura sta per arrivare!

L’ultima versione del disegno di Legge di Bilancio 2022 infatti contiene la tanto attesa novità. Una novità che siamo sicuri farà felici in molti dal momento che dovrebbe riguardare molti dei bonus edilizi e per la riqualificazione energetica per imprese e privati in vigore adesso. 

Tuttavia, le novità in arrivo non si fermano qui. Se infatti è stata proposta una proroga cessione del credito e sconto in fattura, è altrettanto vero che arriveranno anche maggiori controlli su coloro che richiedono l’accesso alle detrazioni fiscali. In particolare, tutti i bonus edilizi diversi dal 110% dovranno essere corredati dal visto di conformità per avere accesso alla cessione dei crediti e lo sconto in fattura.

Nonostante il superbonus sia una misura pensata prevalentemente per i contesti domestici, ci teniamo comunque a precisare che il visto di conformità sarà necessario, per questa agevolazione, anche in caso di utilizzo della detrazione nella dichiarazione dei redditi.

Ma quali sono le novità della proroga cessione del credito e sconto in fattura? Cosa significa che ci saranno più controlli per l’erogazione di questi bonus fiscali?

Abbiamo cercato di fare il punto della situazione insieme ai nostri esperti qui di seguito.

Proroga cessione del credito e sconto in fattura: il punto della situazione

Affermare che ci sarà una proroga cessione del credito comporta anche che è necessario specificare quali bonus coinvolgerà e fino a quando sarà valida.

Il testo della nuova legge di Bilancio 2022, interviene sul comma 1 dell’art. 121 del D.L. n. 34/2020, conferma la possibilità di optare per la cessione del credito e lo sconto in fattura. Una possibilità riservata alle spese sostenute nel 2022, nel 2023 e nel 2024 per le detrazioni edilizie diverse dal superbonus 110%.

La nuova versione della Legge di Bilancio invece non modifica il comma 2 dell’articolo 121 del DL Rilancio. Questo significa che ci sarà una proroga cessione del credito e sconto in fattura: i due meccanismi potranno essere applicabili ai bonus indicati nel suddetto comma.

Ma quali sono questi bonus? Ne parliamo qui di seguito.

Bonus ristrutturazioni edilizia

Per quanto riguarda la detrazione Iperf del 50% per gli interventi di ristrutturazione edilizia, sarà possibile usufruire della proroga cessione del credito per le spese sostenute nel 2022, nel 2023 e nel 2024. Gli interventi del bonus ristrutturazione che danno diritto alla detrazione sono i seguenti:

  • manutenzione ordinaria (solo su parti comuni);
  • manutenzione straordinaria;
  • restauro e risanamento conservativo;
  • ristrutturazione edilizia.

Ricordiamo che, come chiarito nella circolare n. 30/E/2020 dell’Agenzia delle Entrate, l’opzione sconto in fattura/cessione del credito può essere esercitata anche dagli acquirenti degli immobili facenti parti di interi fabbricati oggetto di interventi di restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie che provvedano entro 18 mesi dalla data di termine dei lavori alla successiva alienazione o assegnazione dell’immobile e che hanno diritto alla detrazione.

Tutti gli altri incentivi che usufruiranno della proroga cessione del credito

La proroga cessione del credito e sconto in fattura fino al 2024 sarà valida anche per i seguenti incentivi:

  • ecobonus ordinario (di cui all’art. 14 del D.L. n. 63/2013) per interventi riqualificazione energetica per imprese e privati;
  • sismabonus ordinario (di cui all’art. 16 del D.L. n. 63/2013) per interventi di adozione di misure antisismiche, compreso il sisma bonus acquisti di cui al comma 1-septies spettante per l’acquisto di abitazioni situate in zona sismica 1, 2 e 3, facenti parte di edifici demoliti e ricostruiti anche con aumento di volumetria;
  • bonus facciate per interventi di recupero o restauro della facciata degli edifici esistenti;
  • detrazione per l’installazione di impianti fotovoltaici aziendali (ne parliamo meglio qui) di cui all’art. 16-bis, comma 1, lettera h) del TUIR.

Incentivi ed ecobonus in cui possono rientrare anche le imprese, soprattutto quelli che riguardano l’installazione in un impianto fotovoltaico aziendale e la sostituzione di un vecchio impianto di riscaldamento dell’azienda. Incentivi che rappresentano un’occasione unica ed irripetibile per le imprese!

Maggiori controlli

C’era molta attesa attorno alla proroga della possibilità di trasferire il credito d’imposta anche per eco e sismabonus ordinari, bonus facciate e detrazione Irpef 50% per le ristrutturazioni. Una possibilità che potrebbe arrivare con la nuova Legge di Bilancio 2022 (usiamo il condizionale perché ancora la legge deve essere approvata).

Tuttavia, entrambe le opzioni, saranno soggette ai maggiori controlli introdotti dal decreto legge antifrodi (D.L. n. 157/2021), pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 269 dell’11 novembre 2021, in vigore dal 12 novembre 2021.

Il decreto appena entrato in vigore infatti (12 novembre 2021) stabilisce che per tutti i bonus edilizi diversi dal 110%, in caso di opzione per la cessione del credito/sconto in fattura sarà necessario il visto di conformità e l’asseverazione tecnica di congruità delle spese sostenute.

Cessione del credito e sconto in fattura, il nuovo modello delle Entrate

Per usufruire della proroga cessione del credito l’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile il nuovo modello per la comunicazione delle opzioni di cessione del credito e sconto in fattura all’Agenzia delle Entrate. Sono disponibili anche le relative istruzioni per la compilazione e dalle specifiche tecniche che recepiscono le novità introdotte dal nuovo decreto anti-frodi.

La presentazione del nuovo modello ha coinciso con la riapertura del canale per la trasmissione delle comunicazioni delle opzioni di cessione o sconto in fattura relative ai bonus edilizi. Riapertura che è avvenuta per l’appunto ieri, 15 novembre 2021 dopo la chiusura resasi necessaria per l’adeguamento della piattaforma alle ultime modifiche della normativa.

Se sei un impresa e vuoi effettuare interventi di efficientamento energetico usufruendo degli incentivi fiscali, compila il modulo che trovi in questa pagina con i tuoi dati! Un nostro operatore ti ricontatterà nel più breve tempo possibile!

Vuoi conoscere gli incentivi per il fotovoltaico delle aziende in vigore nel 2022? Clicca qui!

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

#gates-custom-62c1c111eaae0 h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-62c1c111eaae0 h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-62c1c111eaae0 h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!


Compila il form con i tuoi dati

Post your comments here

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Translate »
Apri la chat
hai bisogno di aiuto ?
Ciao
Come posso aiutarti ?