Come funzionano gli incentivi del piano transizione 4.0 fotovoltaico per le imprese?

Come funzionano gli incentivi del piano transizione 4.0 fotovoltaico per le imprese?

Piano Transizione 4.0 fotovoltaico per le imprese: tutto quello che c’è da sapere

Home » Come funzionano gli incentivi del piano transizione 4.0 fotovoltaico per le imprese?

 

Negli ultimi mesi le aziende italiane sono state costrette a fare i conti con uno scenario ben più complesso nel quale operare e produrre. In particolare i costi di produzione sono lievitati in maniera ragguardevole. La causa è da ricercarsi nell’effetto della pandemia e soprattutto della guerra scoppiata in Ucraina per volere della Russia. A cavallo tra la fine del 2021 e i primi mesi del 2022 ci sono stati enormi aumenti di costi energetici riguardanti l’elettricità e il gas.

Le conseguenze hanno riguardato tutti i settori con un aumento che ha riguardato le materie prime ma anche i costi necessari per trasportarle sul territorio. Questo ha messo di fronte le piccole e medie imprese a uno scenario che richiede necessariamente un investimento mirato per migliorare l’ambito energetico.

In questo contesto ha più che mai senso investire nello sfruttamento delle energie rinnovabili e in particolare sulla realizzazione di impianti fotovoltaici aziendali. Tra l’altro lo Stato mette a disposizione per le imprese tanti incentivi fiscali tra cui il Piano Transizione 4.0 per il 2022 (vai sul sito ufficiale).

Che cos’è il Piano Transizione 4.0 per il fotovoltaico delle aziende?

Il Piano Transizione 4.0 è una misura che prevede un ammortamento dei costi sostenuti per acquistare e realizzare un impianto fotovoltaico. Consente alle aziende di sfruttare al meglio le potenzialità del settore e in particolare del fotovoltaico. In particolare, quest’ultimo ancora oggi rappresenta la soluzione ideale per produrre energia pulita a costo zero.

Inoltre, con gli impianti pensati e realizzati per le aziende come quelli proposti da Solar Cash, si riesce a produrre energia sufficiente per tutte le esigenze quotidiane dell’attività. In questo modo è possibile ridurre da un lato i consumi in bolletta e dall’altro garantire un’ottimale supporto per quanto concerne il tema della sostenibilità.

La convenienza di questo genere di soluzione diventa ancora più importante grazie alla possibilità di abbinare a un impianto fotovoltaico un sistema di accumulo dell’energia (anch’essi oggetto di incentivi). In pratica si tratta di batterie che riescono ad accumulare energia prodotta durante le ore in cui c’è il sole da utilizzare successivamente. Puoi quindi utilizzare questa energia per le attività produttive, ma anche per illuminare la struttura.

Affidandosi a un’azienda specializzata ed esperta come Solar Cash sarà possibile ottimizzare la realizzazione dell’impianto sotto tutti i punti di vista. Ciò significa scegliere con cura il punto preciso dove realizzare l’impianto ma anche posizionarlo con la giusta inclinazione. Un aspetto, quest’ultimo, che è molto importante per catturare il maggior quantitativo possibile di energia solare che poi sarà trasformata nelle celle fotovoltaiche in energia elettrica.

Le principali caratteristiche del Piano Transizione Nazionale 4.0 per il fotovoltaico

Lo Stato ha deciso di ampliare e potenziare gli incentivi fotovoltaico imprese offerti per le piccole e medie realtà che investono nel settore delle energie rinnovabili. Il Piano Transizione Nazionale 4.0 è previsto per dare un supporto concreto per tutti gli investimenti di transizione ecologica e verso la sostenibilità ambientale. Il supporto è rivolto all’acquisto e l’installazione di beni strumentali nuovi tra cui ricadono anche gli impianti fotovoltaici.

In particolare, è bene sottolineare che la norma fa riferimento al concetto di beni strumentali nuovi ossia beni durevoli destinati a essere utilizzati per molti anni. Beni che sono fondamentali per il processo produttivo dell’azienda. Naturalmente nella casistica rientrano gli impianti fotovoltaici come sistemi di accumulo ma anche i macchinari, i computer e tutti gli accessori connessi alla produzione.

Essendo un incentivo fiscale può essere sfruttato in sede di dichiarazione redditi nel pagamento di tutte le varie tassazioni previste per l’attività svolta. Inoltre, non concorre a formare reddito per cui non dovrà essere oggetto di tassazione di alcuna forma.

Altra caratteristica che rende questa misura molto appetibile per le aziende è che risulta cumulabile anche rispetto ad altre detrazioni come nel caso del Bonus Sud. Questo significa che le aziende con sede nelle regioni del Sud Italia e in Abruzzo possono fruire di entrambi i benefici ed ammortizzare le spese sostenute per l’investimento in pochissimi anni.

Cosa prevede

Il Governo ha voluto rilanciare attraverso la legge di bilancio un’attività dedicata alla sostenibilità. Ciò logicamente è direttamente legato alla possibilità di sfruttare al meglio le energie rinnovabili per risparmiare sui costi.

Per un’azienda, il poter risparmiare sui costi necessari per la produzione di determinati articoli per offrire ai clienti i propri servizi è fondamentale. Infatti, abbattendo i costi, le risorse economiche a disposizione dell’impresa aumentano. Risorse che possono essere impiegate per un investimento mirato funzionale ad esempio a proporre servizi sempre più appetibili e funzionali.

Attualmente il Piano Transizione 4.0 per il fotovoltaico è stato potenziato dal governo con un’aliquota di detrazione del 6% su tutte le spese sostenute sia per l’acquisto sia per l’installazione dell’impianto. Tra l’altro il massimale previsto per tutte queste spese è di 2 milioni di euro. Il credito d’imposta per impianto fotovoltaico per le imprese 2022 che maturerà con questo investimento potrà essere utilizzato per i successivi tre anni.

Tuttavia occorre fare una precisazione molto importante. L’acquisto di beni e comunque l’investimento per il fotovoltaico effettuato dall’azienda che non rientra nel piano industria 4.0, permette ugualmente di maturare un credito di imposta che però potrà essere utilizzato soltanto in un anno fiscale. Per cui è bene in questo caso valutare l’eventuale incapienza fiscale dell’azienda e scegliere in maniera mirata gli investimenti da effettuare preferendo i beni materiali.

Perchè un’azienda deve investire sul fotovoltaico?

I motivi per i quali un’azienda deve investire sul fotovoltaico sono molteplici.

Innanzitutto c’è un ritorno economico rilevante nel medio periodo. Le spese sostenute per l’acquisto e per l’installazione dell’impianto fotovoltaico possono essere facilmente ammortizzate nel giro di due oppure tre anni grazie agli incentivi fotovoltaico industriale di cui abbiamo parlato e di altre opportunità di detrazione fiscale.

Le varie forme di incentivo possono essere accumulate tra di loro e soprattutto l’azienda risparmia sulle bollette energetiche con riscontri rilevanti soprattutto se si dispone di un sistema di accumulo importante e adatto alle esigenze dell’attività produttiva.

Tra l’altro per le aziende è molto più semplice installare correttamente gli impianti fotovoltaici godendo della perfetta inclinazione e posizione perché si possono sfruttare gli enormi spazi disponibili sui tetti dei capannoni. In questo modo si ottimizza il servizio e si ottengono risorse nel medio periodo che possono essere investite in ricerca, sperimentazioni oppure per potenziare l’attività produttiva.

Contatta Solar Cash usando l’apposito form, compilando tutti i campi previsti, per richiedere un sopralluogo gratuito e un preventivo senza impegno.

#gates-custom-62c19f7e383e5 h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-62c19f7e383e5 h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-62c19f7e383e5 h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!


Compila il form con i tuoi dati

Post your comments here

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Translate »
Apri la chat
hai bisogno di aiuto ?
Ciao
Come posso aiutarti ?