Bonus Sud 2022: confermata la proroga in Legge di Bilancio

Bonus Sud 2022: confermata la proroga in Legge di Bilancio

Confermata la proroga del Bonus Sud al 2022 con l’approvazione della Legge di Bilancio

Home » Bonus Sud 2022: confermata la proroga in Legge di Bilancio

 

Recentemente è stata approvata la Carta Italiana degli aiuti a finalità regionale 2022-2027 dalla Commissione Europea che grazie anche al DDL Bilancio 2022 aggiorna la normativa per gli aiuti alle imprese su base regionale. In particolare, questo documento, prevede un nuovo aggiornamento per la normativa che regola il Bonus Sud 2022 ovvero del Credito d’imposta per investimenti in beni strumentali destinati a strutture produttive ubicate nel Mezzogiorno (L. 208/2015).

Il DDL Bilancio 2022 quindi conferma la proroga del Bonus per il Mezzogiorno a tutto il 2022, proprio come era previsto dalla Legge di Bilancio 2021. Tuttavia, sebbene fosse prevista a livello normativo, la proroga del Bonus Sud al 2022 non era ancora pienamente operativa a comunicazione alla Commissione Europea della proroga del regime agevolativo riguardava solo il 2021.

Una buona notizia quindi per tutti quegli imprenditori che hanno intenzione di sfruttare questi incentivi per riqualificare la propria azienda. Una riqualificazione che sempre più spesso prevede l’installazione di impianti a fonti rinnovabili (come ad esempio il fotovoltaico per le aziende)

Ma cosa prevede il nuovo Bonus Sud 2022?

Abbiamo cercato di fare il punto della situazione qui di seguito.

Il bonus sud 2022

Abbiamo quindi precisato che, essendo stata approvata la Carta Italiana degli aiuti a finalità regionale 2022-2027 dalla Commissione Europea è stato che prorogato il Bonus Sud al 2022. Ma in cosa consiste questa agevolazione?

Sostanzialmente si tratta di una proroga al credito per gli investimenti che le imprese realizzano a decorrere:

  • dal 1° gennaio 2016 fino al 31 dicembre 2022, per gli investimenti effettuati nel Mezzogiorno;
  • dal 7 aprile 2018 al 31 dicembre 2020, per gli investimenti effettuati nei Comuni delle Regioni Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo colpiti dagli eventi sismici succedutisi dal 24 agosto 2016;
  • dalla data del DPCM istitutivo della Zona economica speciale (ZES) al 31 dicembre 2022, per gli investimenti effettuati nelle ZES (art. 5 D.L. 91/2017).

Come funziona il bonus sud per gli investimenti nel Mezzogiorno?

Il Bonus Sud è stato istituito per la prima volta dalla legge di stabilità del 2016 (L. 208/2015). Il beneficio, istituito sotto forma di credito d’imposta, può essere fruito dalle imprese che effettuano in investimenti in beni strumentali nuovi nelle regioni del Mezzogiorno.

Il bonus Sud 2022, come nelle versioni precedenti, potrà essere richiesto anche retroattivamente per gli investimenti in beni strumentali nuovi effettuati dal 1 gennaio 2016 al 31 dicembre 2022. L’agevolazione varia in base alle dimensioni aziendali pertanto possiamo individuare 3 scaglioni:

  • 25% per le grandi aziende;
  • 35% per le imprese di medie dimensioni;
  • 45% per le piccole imprese.

Le imprese che vogliono richiedere la detrazione devono presentare l’apposita domanda attraverso il software messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.

Una delle caratteristiche più importanti della misura è la sua retroattività. Infatti il credito d’imposta per il Mezzogiorno può essere richiesto anche per gli investimenti effettuati negli anni precedenti, sempre con le stesse aliquote che abbiamo elencato in precedenza.

Regioni ammesse e soggetti esclusi

Se il Bonus Sud 2022 si chiama così c’è un motivo. Le agevolazioni previste dalla misura sono infatti mirate alle aziende che effettuano investimenti in beni strumentali nuovi, che si trovano nelle seguenti regioni:

  • Campania,
  • Puglia,
  • Basilicata,
  • Calabria,
  • Sicilia,
  • Molise,
  • Sardegna,
  • Abruzzo.

Ma tutte le imprese che si trovano nel Mezzogiorno possono accedere a queste agevolazioni? No. Le agevolazioni infatti non spettano ai soggetti che operano nei seguenti settori:

  • industria siderurgica,
  • carbonifera,
  • costruzione navale,
  • fibre sintetiche,
  • trasporti e delle relative infrastrutture,
  • produzione e della distribuzione di energia e delle infrastrutture energetiche,
  • creditizio,
  • finanziario,
  • assicurativo.

L’impresa che intende accedere al credito d’imposta deve possedere un Durc in corso di validità al momento d’invio della domanda. Inoltre, non dovrà versare in condizioni di difficoltà.

I beni agevolabili dal Bonus Sud 2022

Rientrano nelle agevolazioni i seguenti beni: impianti (anche gli impianti fotovoltaici), macchinari e attrezzatura varia. Ai fini del credito d’imposta per gli investimenti nel mezzogiorno, possono essere agevolati anche i beni acquistati tramite contratto di locazione finanziaria (restano esclusi dunque i contratti di locazione operativa).

Sono agevolabili altresì i beni costruiti in economia e i beni complessi. Ovviamente il costo delle componenti utilizzate per la loro costruzione deve prevalere su quelle usate. Pertanto restano chiusi dall’agevolazione i beni usati o ricondizionati.

Infine, merita specificare che le agevolazioni del Bonus Sud 2022 sono cumulabili a quelle previste da altre misure. Ad esempio è possibile cumulare il Bonus Sud 2022 con il credito d’imposta derivante dal Piano Industria 4.0 di cui parliamo qui.

Quando e come presentare le domande

Per presentare le domande c’è tempo fino al 31 dicembre 2022, pertanto il bene agevolabile dovrebbe essere consegnato entro tale data. Non importa però che esso entri in funzione entro questi termini, l’importante è essere in possesso della fattura di saldo.

E’ necessario utilizzare il software dell’Agenzia delle Entrate (CIM17) per presentare la domanda di richiesta del bonus sud 2022. Una volta ottenuta l’autorizzazione per la fruizione del credito, sarà possibile utilizzarlo a partire dal 5° giorno successivo, esclusivamente in compensazione.

Precisiamo inoltre che versione aggiornata del modello di comunicazione, che sostituisce il precedente del 9 marzo 2021, è online dal 28 ottobre 2021.

Vuoi conoscere gli incentivi per il fotovoltaico delle aziende in vigore nel 2022? Clicca qui!

Per maggiori informazioni o per richiedere una consulenza energetica a Solar Cash srl, compila il form che trovi in questa pagina con i tuoi dati!

#gates-custom-62c1a67fceb93 h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-62c1a67fceb93 h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-62c1a67fceb93 h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!


Compila il form con i tuoi dati

Post your comments here

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Translate »
Apri la chat
hai bisogno di aiuto ?
Ciao
Come posso aiutarti ?