Blog

Tutti i vantaggi del fotovoltaico aziendale

Quali sono i vantaggi del fotovoltaico aziendale? Ecco perché dovresti installarne uno sul tetto del capannone della tua attività prima che sia troppo tardi!

Home » Blog

 

Anche tu sei preoccupato per i costi energetici che la tua azienda dovrà sostenere?

Stai cercando in tutti modi di trovare una soluzione definitiva per non dover affossare i bilanci della tua impresa con i costi energetici?

Vuoi traghettare la tua attività verso il futuro senza impattare ulteriormente sull’ambiente?

La risposta a tutte queste domande c’è ed è molto semplice: fotovoltaico aziendale.

Negli ultimi anni infatti si parla sempre di più di energie rinnovabili e di transizione energetica. Ma non se ne parla soltanto, si agisce anche. Complici i continui rincari dell’energia che si sono verificati in questi ultimi mesi infatti, sono sempre più gli imprenditori che hanno deciso di ricorrere a questi  sistemi per abbattere i loro costi.

Ma a ben vedere, non si tratta solo di ridurre i costi energetici, si tratta anche di rendere la propria azienda più sostenibile e quindi fare un passo verso la carbon neutrality. I vantaggi del fotovoltaico aziendale sono infatti diversi e comprenderli appieno può solamente farti venire ancora più voglia di installarne uno.

Nonostante i dubbi che ancora aleggiano attorno all’energia solare, quella del fotovoltaico aziendale è una tecnologia che si sta diffondendo sempre di più. I vantaggi del fotovoltaico aziendale sono diversi e sono bastati i primi precursori ad investire in questo settore a generare un circolo virtuoso che si sta allargando sempre più. Un circolo virtuoso che è anche sostenuto dallo stato italiano e dall’Unione Europea con misure ed incentivi ad hoc volti anche al raggiungimento di determinati obiettivi prefissati da accordi internazionali da essi stessi sottoscritti.

Utilizzare i vantaggi del fotovoltaico aziendale per ricavare l’energia elettrica di cui ha bisogno la tua attività e risparmiare sui costi è senza dubbio una mossa intelligente. Vediamo meglio il perché in questo approfondimento.

I vantaggi del fotovoltaico aziendale

Come abbiamo già avuto modo di anticipare, i vantaggi di installare un impianto fotovoltaico aziendale sono diversi. Un impianto a moduli fotovoltaici, nelle aziende, può infatti far ottenere vantaggi economici non indifferenti, oltre che a contribuire alla lotta ai cambiamenti climatici al tempo stesso.

Abbiamo pertanto deciso di esaminare tutti i vantaggi del fotovoltaico aziendale qui di seguito.

Abbattimento dei costi dell’energia con l’autoconsumo

Come abbiamo avuto modo di accennare poco fa, una una delle voci di spesa più pesanti per le aziende sono senza dubbio i loro costi energetici. Come abbattere questi costi e liberare risorse utili allo sviluppo del business della tua impresa?

L’idea è molto semplice: anziché prelevare e consumare energia a pagamento, basterebbe semplicemente prodursi da soli l’energia di cui si ha bisogno.

Uno dei vantaggi del fotovoltaico aziendale è infatti quello di garantire una certa quota di autoconsumo. L’impresa infatti può contare sull’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico per abbattere i suoi costi energetici e risparmiare sulle bollette. Questo significa che durante il giorno, quanto l’impianto produce molta energia, l’azienda è in grado di consumare la quasi totalità dell’energia che le serve per la sua attività prelevandola direttamente dal fotovoltaico.

Vantaggi del fotovoltaico aziendale: Maggiore indipendenza energetica

Aumentare sempre di più la quota di energia prelevata dalla produzione dell’impianto fotovoltaico aziendale significa anche aumentare la propria indipendenza energetica. In altre parole, più aumenta questa quota, meno bisogno ci sarà di prelevare dalla rete elettrica la corrente a pagamento. In ultima analisi, questo significa che i tuoi bilanci saranno sempre di più al riparo dal fluttuare dei prezzi energetici.

Ma non solo, dotando il tuo impianto fotovoltaico di un sistema di accumulo dell’energia, la tua indipendenza energetica sarà ancora maggiore. L’energia prodotta in eccesso dall’impianto, ovvero quella non autoconsumata, potrebbe, grazie a questi dispositivi, essere accumulata per essere utilizzata in un momento successivo. In sostanza, stiamo cercando di dirti che potresti utilizzare questa energia di notte, quando l’impianto non produce elettricità, limitando ancora di più il tuo prelievo di energia dalla rete.

Riduzione delle emissioni di CO2

Fra i vantaggi del fotovoltaico aziendale c’è anche quello di aiutare l’ambiente. Sfruttare l’energia solare per produrre energia elettrica significa ridurre il consumo dell’elettricità prodotta da fonti non rinnovabili.

Ciò comporterebbe quindi una diminuzione della quantità di anidride carbonica immessa nell’atmosfera, elemento che, come studi dimostrano, è responsabile dei cambiamenti climatici in corso. In poche parole un altro dei vantaggi del fotovoltaico aziendale è che ti permetterà di produrre energia al 100% green e sostenibile.

Vantaggi del fotovoltaico aziendale: usufruire degli incentivi fiscali

I governi che si sono succeduti in questi ultimi anni hanno avuto un tratto in comune: l’adozione di politiche volte ad incentivare la transizione energetica. Le imprese sono responsabili di oltre il 60% dei consumi totali di energia, pertanto, questo tipo di politiche non poteva non riguardare anche loro.

Oltre a ciò dobbiamo considerare che a livello europeo ed internazionale, l’Italia è stata uno dei paesi che più ha spinto per sottoscrivere accordi di riduzione delle emissioni di CO2. In particolare, l’Unione Europea si è impegnata a ridurre del 55% le sue emissioni di anidride carbonica entro il 2030. Qualora non ci riuscisse, i suoi stati membri dovranno pagare sostanziose sanzioni.

In questo contesto quindi, è utile adottare delle politiche che incentivino privati, ma soprattutto imprese, ad installare impianti a fonti rinnovabili come quelli fotovoltaici. Per questo sono, oramai da qualche anno, in vigore degli incentivi fiscali davvero vantaggiosi per le aziende di cui parliamo qui. Il vantaggio del fotovoltaico aziendale in questo caso è doppio da un punto di vista economico dal momento che ti permetterà di:

  • risparmiare sulle bollette;
  • abbattere il costo dell’investimento in modo da poterne rientrare in tempi più brevi.

Immagine aziendale migliore

Oltre ai risparmi in bolletta, fra i vantaggi del fotovoltaico aziendale, rientra senza dubbio anche una migliore immagine aziendale. Nell’epoca dei social infatti le informazioni viaggiano alla velocità della luce ed è cambiata anche la tipologia di informazioni a cui gli utenti fa attenzione. I tuoi potenziali clienti infatti sono particolarmente attente alla sostenibilità aziendale delle industrie dalle quali comprano.

Dotare la tua impresa di un impianto fotovoltaico, significa adottare una politica di sostenibilità della tua produzione. Comunicare attentamente questo aspetto può portarti ad ottenere un vantaggio competitivo non indifferente rispetto ai tuoi competitor che non l’hanno fatto. Non solo, le persone sono anche disposte a pagare di più per prodotti che rispettano l’ambiente, pertanto potresti anche aumentare i tuoi ricavi.

Sfruttare i vantaggi del fotovoltaico aziendale per perseguire un obiettivo di decarbonizzazione e ridurre il proprio impatto ambientale può portare conseguenze positive in termini di immagine, competitività ed efficienza.

Se vuoi richiedere ulteriori informazioni oppure un preventivo compila il form che trovi in questa pagina con i tuoi dati!

#gates-custom-638e510793d37 h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e510793d37 h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e510793d37 h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!


Compila il form con i tuoi dati

Come raggiungere l’autonomia energetica per le imprese

Autonomia energetica per le imprese? La strada è il fotovoltaico aziendale

Home » Blog

 

I costi della bolletta della luce e del gas sono saliti alle stelle, soprattutto per quanto riguarda le realtà imprenditoriali. A causa di questi costi, sono in molti i manager o proprietari di imprese a dover limitare la propria attività oppure addirittura a considerare l’idea di dover chiudere i battenti. Tuttavia, chiudere, non è l’unica soluzione per evitare questi rincari e, se anche tu sei un imprenditore, dovresti saperlo bene.

In effetti, se un attività consuma energia e gas, l’unica maniera per ridurre i costi delle bollette, è ridurre i propri consumi. Per ridurre i propri consumi, spesso non è sufficiente ammodernare i propri impianti di riscaldamento o elettrici ma è necessario adottare soluzioni più radicali. In sostanza, per ottenere l’autonomia energetica delle imprese è necessario che esse si dotino di sistemi di produzione dell’energia da fonti rinnovabili, come ad esempio il fotovoltaico aziendale. D’altronde, una così alta inflazione energetica non si verificava da molti anni, pertanto intraprendere un percorso verso l’autonomia energetica delle imprese sembra essere l’unica soluzione.

In questo approfondimento esamineremo appieno i vantaggi dell’autosufficienza energetica per aziende e come è possibile raggiungere questo obiettivo anche attraverso gli incentivi fiscali.

Le ragioni dell’aumento dei prezzi dell’energia

L’aumento delle bollette in generale, sia dell’energia elettrica che del gas, è da attribuire a fattori concatenanti, che colpiscono in particolare le imprese. Sono infatti proprio le imprese ad essere responsabili di oltre il 60% dei consumi di energia elettrica e per il 40% delle emissioni di gas serra. Inutile perciò sorprendersi di come siano proprio le piccole e grandi imprese ad essere particolarmente toccate dagli aumenti.

Prima di parlare dell’autonomia energetica delle imprese però ci pare doveroso esaminare meglio come mai i prezzi dell’energia si sono impennati. In particolare, questi aumenti dipendono da:

  • Prezzo del gas. Se subito dopo la pandemia questo era aumentato del 90% è stato inevitabile che il prezzo del metano salisse come conseguenza dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. In sostanza, la Russia, il maggio esportatore di gas a livello mondiale, ha aumentato il suo prezzo come ritorsione nei confronti delle sanzioni che l’Occidente ha applicato verso la ex Unione Sovietica. A tutto questo si aggiungono le variazioni stagionali del prezzo: ovviamente d’inverno, vista la maggiore domanda, costerà più che in estate
  • Diritti per le emissioni di CO2. Ogni impresa può acquistare, da quelle virtuose, dei diritti per le emissioni di CO2. Questo a tutti gli effetti è una forma di tassazione ambientale, in base al principio di proporzionalità e di corrispettività secondo cui ‘chi più sporca, più paga’. Ogni stato quindi incassa proventi maggiori o minori dalla vendita delle quote di emissione a seconda della fonte di energia più utilizzata per la produzione di energia elettrica. Essendo in italia utilizzato il 40% dell’energia da combustibili fossili, i proventi di questa compravendita sono sostanziosi. Se il governo attinge da queste risorse, è inevitabile che si cerchi di ripristinarle al più presto aumentando i costi dell’energia.
  • Ripresa dell’economia. Se l’economia è in ripresa, le aziende produrranno di più, pertanto consumeranno anche più energia;

L’autonomia energetica delle imprese passa attraverso la transizione ecologica

Per una grande impresa, il percorso di transizione ecologica e quindi verso l’indipendenza energetica è segnato da passaggi obbligati:

  • i diritti per le emissioni;
  • il Bilancio di Sostenibilità;
  • l’obbligo della diagnosi energetica.

Per le PMI però, il percorso verso l’autonomia energetica è ben diverso visto che non sono soggette a questi obblighi di legge. Pertanto, ad un’occhiata superficiale, per le PMI le fonti fossili potrebbero apparire anche più convenienti, se non altro per la facilità di installazione di questi sistemi.

Ma è davvero così? Quanto è saggio, rendere l’economia interna dell’azienda vulnerabile alle fluttuazioni dei prezzi dell’energia?

Abbiamo cercato di spiegare in maniera approfondita perché l’autonomia energetica delle imprese è senza dubbio la strada migliore da seguire se si vogliono ottenere risultati duraturi nel tempo.

I principi dell’autosufficienza energetica imprese

L’autosufficienza energetica delle imprese si basa su un principio semplice: quello di produrre da soli l’energia di cui si ha bisogno. Il concetto di consumatore di energia, sia per le imprese che per i singoli cittadini appartiene sempre più al passato. Produrre da soli l’energia di cui si necessità per la propria attività, tutta o in parte, significa di fatto diventare dei prosumer di energia ovvero consumatori e produttori al tempo stesso (ne parliamo meglio qui).

Meglio poi, se lo si fa grazie ad energie rinnovabili come quella solare, soprattutto oggi che le tecnologie permettono di farlo in maniera efficiente e non impattante a livello ambientale. Anzi, un’azienda che diventa sostenibile passando all’energia prodotta da impianto fotovoltaico, la tecnologia diventa un alleato sotto diversi punti di vista.

Fotovoltaico per le imprese: un ottimo alleato per rilanciare l’economia

Perseguire l’autonomia energetica della tua impresa attraverso l’installazione di un impianto fotovoltaico è un’ottima strategia. D’altronde, installare questo tipo di impianti, è come avere a disposizione della propria azienda una centrale di energia privata ad uso esclusivo, che genera benefici maggiori a lungo termine. Benefici che senza dubbio maggiori rispetto all’effettuare una diagnosi energetica per poi sostituire macchinari energivori.

Ma quali sono i vantaggi di un fotovoltaico aziendale? 

Abbiamo riassunto i principali qui di seguito:

  • Con un fotovoltaico aziendale potresti compiere un passo deciso verso l’autonomia energetica della tua impresa visto che potrai ridurre sensibilmente il prelievo di corrente dalla rete elettrica generando risparmio in bolletta;
  • Garantirai l’indipendenza energetica soddisfacendo richiesta di energia istantanea, o H24 se abbinato ad un sistema di accumulo;
  • Potrai ridurre drasticamente i costi di energia del tuo impianto termico tramite un sistema di riscaldamento elettrico alimentato direttamente dal tuo impianto fotovoltaico;
  • Otterrai considerevoli opportunità di guadagno dalla vendita di energia in eccesso non consumata con il meccanismo del Ritiro Dedicato;
  • Potrai beneficiare degli incentivi fiscali per il fotovoltaico nelle aziende che abbreviano i tempi di rientro dell’investimento (ne parliamo meglio qui);
  • Potrai favorire il passaggio a un modello di economia circolare;
  • Contribuirai in maniera tangibile alla decarbonizzazione, non solo della tua impresa ma anche dell’Italia o del paese in cui si trova,
  • La redditività della tua attività sarà senza dubbio maggiore se riuscirai a convincere i tuoi clienti a scegliere aziende sostenibili come la tua. Ciò comporta quindi anche un considerevole ritorno in termini di immagine.

Autonomia energetica delle imprese: quanto è necessario installare un impianto fotovoltaico?

Come abbiamo già avuto modo di anticipare, sono le imprese ad essere la causa dei maggiori consumi di energia. Pertanto potrebbero essere le imprese come la tua a fare la differenza nella lotta ai cambiamenti climatici che per forza di cose passa anche attraverso una loro maggiore autonomia energetica. 

Non esitare pertanto ad installare un impianto fotovoltaico aziendale! Assumi oggi un ruolo di primo piano nel processo di produzione, distribuzione e consumo di energia e migliora così il benessere del tuo business. I plus di un impresa che vuole aggredire il mercato e crescere sempre di più sono in effetti il risparmio energetico ottenuto grazie all’utilizzo di energia verde come quella fotovoltaica.

Ma come fare a capire quando è il momento giusto per puntare all’autonomia energetica delle imprese installando un fotovoltaico?

Semplice: il momento giusto per avviare la transizione energetica della tua impresa è proprio adesso! E le ragioni per cui dovresti farlo sono le seguenti:

  • gli impianti di produzione energia solare sono incentivati da bonus fiscali che abbattono il costo dell’investimento;
  • le tecnologie e le soluzioni progettuali proposte da Solar Cash, si basano sui più elevati standard qualitativi e di efficienza;
  • il costo degli impianti fotovoltaici aziendali è ai minimi storici!

Pronto a sfruttare tutti gli imbattibili vantaggi dell’autosufficienza energetica per le imprese? 

Allora compila il modulo che trovi in questa pagina con i tuoi dati. Un nostro operatore ti ricontatterà in breve tempo!

#gates-custom-638e51079b6b3 h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e51079b6b3 h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e51079b6b3 h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!


Compila il form con i tuoi dati

Prosumer: chi sono e perché sono importanti nella transizione energetica

Le energie rinnovabili offrono sempre più opportunità per i prosumer

Home » Blog

 

Il rapporto “Energy Prosumers in Europe – Citizen participation in the energy transition” di AEA ha fornito un’importante panoramica sul ruolo dei prosumer energetici europei. Secondo il rapporto, pubblicato a Settembre 2022, il numero di questi soggetti, è in forte crescita, viste anche le crescenti opportunità che sono riservate a questi soggetti.

Il rapporto in effetti mira a dimostrare come tutti i cittadini o le imprese possano diventare a tutti gli effetti dei veri e propri prosumer di energia. In questo modo, il cambiamento verso un mondo più green e sostenibile avverrebbe dal basso e non dall’alto: sarebbe quindi molto più efficace. Un obiettivo, quest’ultimo, che anche l’Unione Europea vuole favorire in modo che gli obiettivi climatici prefissati siano più facili da raggiungere.

Oltre ad esaminare i contenuti di questo rapporto è però bene chiarire qual è il ruolo di questi prosumer energetici, chi sono con esattezza e quali sono le loro caratteristiche. In questo modo saranno anche chiari tutti i vantaggi del diventare prosumer.

Cosa è il rapporto AEA?

Questi ultimi mesi che stiamo vivendo sono mesi particolarmente strani e che saranno ricordati per diverso tempo. Negli ultimi due anni abbiamo infatti attraversato una pandemia prima, ed una cristi energetica poi. Inevitabile che tutta questa situazione abbia delle ripercussioni anche sul prezzo dell’energia. Prezzi che sono sensibilmente aumentati e che almeno per un po’ non saranno destinati a scendere gettando ombre sul futuro.

Di fronte a uno scenario così incerto, l’Agenzia Europea dell’Ambiente (AEA) ha voluto presentare un nuovo report nel quale è analizzato il ruolo dei prosumer. Nel rapporto si restituisce una una panoramica precisa su questo nuovo soggetto che sta rivoluzionando le dinamiche del sistema di produzione e distribuzione dell’energia.

All’interno del rapporto inoltre viene evidenziato l’importante ruolo che costoro possono svolgere per risollevare l’attuale situazione critica e per contribuire alla transizione energetica. Inoltre il rapporto tenta anche di spiegare le ragioni per cui i governi dovrebbero sostenere iniziative volte a promuovere la nascita e lo sviluppo di nuovi prosumer energetici.

Ma prima di capire perché è importante e quali misure dovrebbero essere prese, analizziamo meglio chi sono i prosumer.

Una panoramica sui prosumer energetici

La rivoluzione energetica in atto in questo ultimo periodo passa attraverso l’azione dei prosumer, questo non è un segreto. Ma chi sono i prosumer?

Il termine prosumer nasce dalla fusione di due termini inglesi: consumer e producer. Il neologismo quindi indica un soggetto che allo stesso tempo produttore e consumatore di energia. Questo nuovo soggetto quindi assume un ruolo attivo in tutte le fasi della produzione, della distribuzione e del consumo dell’energia generata da fonti rinnovabili.

Se è stata e sarà sempre più possibile la diffusione di questo tipo di soggetto è merito anche e soprattutto delle energie rinnovabili come ad esempio l’energia fotovoltaico. Le rinnovabili infatti permettono di soddisfare le esigenze di autoconsumo dei cittadini e delle imprese oltre a cedere alla rete pubblica l’energia che questi impianti producono in eccesso, ovvero quella che non viene autoconsumata. Questa energia prodotta in eccesso viene quindi a tutti gli effetti messa a disposizione degli altri consumatori di energia. Un prosumer quindi, ovvero un soggetto che ad esempio possiede un impianto fotovoltaico e che cede l’energia prodotta da questo impianto che non consuma alla rete nazionale, ha una partecipazione energetica attiva che viene definita prosumption.

Le differenti tipologie di prosumer

All’interno del rapporto dall’AEA vengono inoltre presentate le più comuni tipologie di prosumer. Le abbiamo riportate qui di seguito:

  • Singole famiglie. Ogni nucleo familiare può decidere se installare o meno sul proprio tetto un impianto fotovoltaico con il quale produrre energia per il proprio fabbisogno e di inviare le eccedenze alla rete pubblica;
  • Gruppi di autoconsumo collettivo all’interno di un edificio. L’esempio di questa tipologia riguarda un condominio che decide di installare pannelli solari sul tetto dello stabile. In questo modo il condominio permette ai condòmini di formare una rete di autoconsumo energetico interna;
  • Piccole e medie imprese e istituzioni pubbliche. Se un’azienda, una scuola o un ufficio governativo e decidono di installare un impianto fotovoltaico sul tetto dei loro edifici possono avere energia a disposizione per tutte le loro attività;
  • Comunità Energetiche: si tratta di associazioni costituite da enti pubblici locali, aziende, attività commerciali o cittadini privati che decidono di dotarsi di infrastrutture per la produzione di energia proveniente da fonti rinnovabili e l’autoconsumo, tramite un modello di condivisione.

Quali sono i benefici di essere un prosumer?

Passare dall’essere dei semplici consumatori di energia a dei prosumer può far ottenere numerosi vantaggi. Il rapporto dell’AEA li suddivide in tre grandi aree che riportiamo qui di seguito:

  • Benefici ambientali. Ogni prosumer contribuisce in maniera attiva alla diffusione dell’utilizzo di impianti di produzione dell’energia da fonti rinnovabili. Questo significa che ognuno di questi soggetti contribuisce attivamente al ridurre la  la necessità di energia prodotta da combustibili fossili e quindi alla riduzione di emissioni di CO2.
  • Benefici sociali. Quando un soggetto si dota di impianti di produzione dell’energia da fonti rinnovabili ed immette l’energia che tale impianto produce in eccesso in rete, contribuisce a creare un senso di comunità con coloro che la consumano. Non importa se siano soggetti della stessa città o dello stesso condominio: il senso di comunità si crea quando si condivide qualcosa, in questo caso l’energia.
  • Benefici finanziari. diventare prosumer garantisce una riduzione dei costi energetici oltre che un’opportunità di guadagno, grazie alla possibilità di vendita dell’energia prodotta in eccesso. Volendo essere terribilmente concreti quindi, diventare un prosumer di energia, per le imprese, potrebbe significare abbattere notevolmente le loro bollette che nei casi più estremi significa fare la differenza tra la prosecuzione e la cessazione di un’attività.

Il potenziale dei prosumer nella produzione energetica europea

Cosa succederebbe se imprese, cittadini, ed enti pubblici diventassero dei prosumer di energia?

Il report di AEA fornisce una proiezione al 2050 abbastanza confortante. Se infatti la quasi totalità dei soggetti presenti sulla terra diventasse prosumer di energia si potrebbe riuscire ad arrivare a coprire la quasi totalità della domanda di energia delle famiglie.

Il problema è semmai un altro. Come è possibile fare in modo che questo accada?

Senza dubbio, anche come spiega bene lo stesso rapporto, dovranno essere introdotte politiche nazionali ed europee più favorevoli all’installazione di impianti di produzione da fonti rinnovabili. Solo incentivando l’installazione di questi impianti, che di certo non costano poco, sarà possibile far diventare sempre più cittadini ed imprese prosumer di energia.

Il Green Deal europeo è uno dei più importanti strumenti con cui l’Europa è pronta a intervenire per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. Ma da solo non basta: è infatti necessario indubbiamente velocizzare i processi.

Accanto ad esso, di grande importanza è anche il Piano REPowerEU al cui interno assume un ruolo rilevante l’iniziativa Solar Rooftop. Questa infatti prevede l’obbligo legale graduale dell’installazione di pannelli solari su nuovi edifici pubblici e commerciali e nuovi edifici residenziali.

Ma tutto questo non basta. E’ necessario anche approvare misure di incentivo per il fotovoltaico e le altre energie rinnovabili anche a livello dei singoli stati. Ed è necessario innanzitutto tararle per le imprese visto che sono questi soggetti ad avere i maggiori consumi energetici e le maggiori superfici a disposizione per l’installazione di impianti ad energie rinnovabili. A questo proposito puoi dare un’occhiata agli incentivi per il fotovoltaico aziendale in vigore in Italia cliccando qui!

Conclusione

A questo punto possiamo facilmente concludere che i prosumer sono la chiave per raggiungere l’indipendenza energetica dei paesi che fanno parte dell’Unione Europea, e non solo questi paesi. Per questo motivo è ovvio che l’Unione Europea deve puntare a favorire in qualsiasi modo la loro diffusione. In particolare è necessario abbattere le barriere normative e soprattutto potenziato lo sviluppo tecnologico.

D’altronde è evidente che più il numero dei prosumer crescerà più i sistemi politici e di approvvigionamento dell’energia europei ne trarranno giovamento. Ma non solo. Più saranno i prosumer, più il processo di transizione energetica verrà agevolato e con esso si ridurrà la a dipendenza dalle importazioni (con il dannoso fluttuare dei prezzi) oltre che le emissioni di gas serra.

Ovviamente non basta solamente introdurre incentivi all’installazione di impianti a fonti rinnovabili o introdurre normative a livello europeo per fare in modo che ciò accada. E’ necessario un impegno comune che parta soprattutto dal basso ovvero da noi cittadini. Siamo infatti noi stessi i primi protagonisti di quella che potrebbe essere una nuova e sostenibile strada futura. Decidere di installare un impianto fotovoltaico è il più grande contributo che ognuno di noi può dare e che può assicurarci di costruire un domani migliore.

Sei pronto a far diventare la tua azienda un prosumer di energia in modo da abbattere le bollette dell’energia e le emissioni di gas serra?

Allora compila il modulo che trovi in questa pagina con i tuoi dati. Un nostro operatore ti ricontatterà in breve tempo!

#gates-custom-638e5107a323c h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e5107a323c h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e5107a323c h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!


Compila il form con i tuoi dati

Solar Attack: arriva il bando della regione Umbria per il fotovoltaico in azienda

La regione Umbria ha pubblicato il bando Solar Attack stanziando 26 milioni di euro per sostenere gli investimenti delle imprese in rinnovabili.

Home » Blog

 

La crisi energetica si fa sentire sulle tasche delle famiglie ma soprattutto delle imprese italiane con particolare riferimento a quelle che risiedono in Umbria. Perugia infatti risulta la città italiana nella quale i rincari di luce e gas sono stati più elevati mettendo ancora di più a dura prova le tasche di imprenditori e famiglie.

Le istituzioni non sono rimaste a guardare gli effetti della crisi energetica ma sono passate all’azione cercando di dare una spinta alla transizione energetica delle imprese del territorio. In questo contesto si collocano le risorse stanziate dal bando Solar Attack approvato dalla Regione Umbria in questi giorni.

Proprio grazie al bando infatti i consiglieri regionali hanno destinato importanti risorse per la realizzazione di impianti per la produzione di energia elettrica derivante da fonte solare in modo da favorire l’autoconsumo energetico. Sono proprio gli impianti fotovoltaici installati su su edifici, pensiline o a terra e relativi ed eventuali sistemi di accumulo fino a 100 Kwh sono fondamentali per garantire un livello più alto di indipendenza energetica.

Ma cosa stabilisce il bando Solar Attack di preciso? Ne parliamo meglio qui sotto.

Il bando Solar Attack della regione Umbria in dettaglio

Il bando Solar Attack prevede incentivi diversi a seconda della “taglia” dell’investimento per la realizzazione degli impianti fotovoltaici. Possono essere infatti incentivati impianti:

  • small: ovvero impianti fino a 75 kWp che prevedano un minimo di spesa di 20.000 €;
  • medium: ovvero impianti da 75 kWp a 150 kWp;
  • large: ovvero impianti di potenza superiore a 150 kWp per un contributo massimo di 150.000 €.

L’ammontare delle risorse del bando Solar Attack è poi suddiviso a sua volta in due categorie di beneficiari:

  • alle PMI spettano risorse per un ammontare pari a 20 milioni di € con diverse possibilità di usufruire dei fondi anche in base all’investimento da realizzare. Di questi 20 milioni, in particolare, 15 sono destinati al settore manifatturiero e 5 al settore turistico e commerciale.
  • alle Grandi imprese sono destinati invece i restanti 6 milioni di € per impianti fotovoltaici che prevedano un investimento che va dai 20.000 ai 2.000.000 di euro.

Spese ammissibili

Il bando Solar Attack ammette alla richiesta dei fondi tutte quelle spese sostenute per la realizzazione di impianti fotovoltaici e sistemi di
accumulo, che soddisfino il 120% dei consumi. In particolare vi rientrano le seguenti voci di spesa:

  • Progettazione: costi per progettazione, direzione lavori, eseguiti e fatturati da tecnico iscritto ad albo professionale o da altro soggetto abilitato, nel limite del 10% del costo dell’impianto fotovoltaico.
  • Materiali inventariabili: costi relativi all’acquisto di macchinari, impianti, attrezzature, componenti, nonché le relative spese di montaggio e allacciamento;
  • Lavori: costi relativi a opere edili, strettamente connesse e dimensionate, anche dal punto di vista funzionale, all’installazione degli impianti nel limite del 15% costo dell’impianto fotovoltaico che si intende installare.

Scadenze del Bando Solar Attack

Le domande per ottenere i fondi stanziati dal bando potranno essere compilate dal 25 gennaio 2023. Esse potranno inoltre essere inviate dalle ore 10:00 del 30 gennaio 2023 fino alle ore 12:00 del 28 febbraio 2023.

L’incontro con gli imprenditori

Solar Attack è stato spiegato nei dettagli il 28 novembre mattina nella sede perugina di Confindustria Umbria. Presenti all’incontro con gli imprenditori erano il presidente di Confindustria Umbria Vincenzo Briziarelli, il Senior Advisor per la Transizione Energetica di Confindustria Massimo Beccarello e l’Assessore regionale allo Sviluppo economico Michele Fioroni.

Briziarelli ha commentato:

“Si tratta di una misura importante che recepisce molte delle richieste formulate dalla nostre aziende associate e di un intervento tempestivo e consistente in termini di risorse stanziate. La dotazione complessiva è di 26 milioni di euro. Ogni iniziativa che affronti in modo serio la nostra carenza di produzione di energia è sicuramente ben accetta”.

Fioroni ha aggiunto puntando il dito:

“Nella politica energetica nazionale degli ultimi anni è mancata la capacità di programmare e fare scelte coraggiose. Nella manovra che sostiene fortemente l’autoconsumo c’è la volontà anche della Presidente Tesei. La manovra non ha mai previsto tante risorse sull’energia. Il solar attack è versatile e risponde alle varie esigenze delle imprese”.

Trovi maggiori dettagli sul bando Solar Attack cliccando qui!

E ora, se vuoi scoprire qualche informazione utile in più sugli impianti fotovoltaici per le aziende delle regione Umbria, non esitare a contattarci compilando il modulo che trovi qui di seguito.

#gates-custom-638e5107aa35e h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e5107aa35e h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e5107aa35e h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!


Compila il form con i tuoi dati

Riscaldamento capannoni: le migliori soluzioni per un giusto comfort termico

Alla scoperta delle migliori soluzioni per il riscaldamento dei capannoni che ti permetteranno di risparmiare sulle bollette del gas e di garantire un adeguato comfort termico ai tuoi dipendenti

Home » Blog

 

Riscaldare i capannoni è ben più complicato del riscaldare gli ambienti domestici o i piccoli uffici (ne abbiamo parlato anche qui). Nel progettare un impianto di riscaldamento dei capannoni infatti si deve per forza di cose tenere conto delle ampie volumetrie di questi edifici oltre che delle grandi altezze in cui si sviluppano.

Ma non solo. I capannoni impiegati nelle attività produttive o imprenditoriali sono infatti anche scarsamente isolati da un punto vista termico. Inoltre spesso, le aperture verso l’esterno di tali edifici difficilmente rimangono chiuse permettendo al freddo di penetrare all’interno della struttura.

Ne consegue che ogni sistema di riscaldamento industriale installato nei capannoni dovrà essere pensato e progettato in base alle specifiche esigenze dell’azienda. Ma soprattutto ne consegue anche che riscaldare un edificio di questo tipo, per le imprese, significa affrontare delle spese molto elevate. La necessità di garantire il giusto comfort termico ai lavoratori ed alle apparecchiature si scontra costantemente con quella di cercare di abbattere i costi energetici. Un obiettivo, quest’ultimo, che specie dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia e le conseguenti sanzioni imposte all’ex URSS, è sempre più difficile raggiungere.

Oggi esistono diverse soluzioni in grado di abbattere i consumi di gas e di elettricità garantendo comunque un buon riscaldamento all’interno dei capannoni industriali. Abbiamo parlato al plurale perché come accennavamo poco fa, ogni impresa o attività ha le sue specifiche necessità, pertanto non sarebbe corretto affermare che la stessa soluzione può andare bene per tutti. Per questo il nostro consiglio è quello di effettuare un’accurata Diagnosi Energetica, in modo da capire anche se esiste la possibilità di sfruttare energia autoprodotta o calore residuo di processo.

In ogni caso, in questo approfondimento, abbiamo chiesto ai nostri tecnici esperti di spiegarci quali sono le migliori soluzioni per il riscaldamento capannoni. Per migliori soluzioni intendiamo quelli più efficaci in termini di riduzione dei consumi di gas a parità di efficienza.
Continua a leggere per scoprire di più!

Cosa considerare quando si deve installare un sistema di riscaldamento per capannoni industriali?

Per capire qual è il sistema di riscaldamento capannoni più adatto alla attività, non ci stancheremo mai di ripeterlo, è innanzitutto necessario eseguire un’accurata analisi degli edifici su cui si intende installarlo. L’analisi dovrà prestare particolare attenzione a questi fattori:

  • Volumetria e altezza del fabbricato. Un fabbricato con ampi volumi o con un altezza importante sarà ovviamente più difficile da riscaldare in modo adeguato. Questo perché l’aria calda tende a muoversi verso l’alto, pertanto può esserci una differenza di temperatura notevole tra l’alto ed il basso del capannone. Pertanto se il capannone si sviluppa in altezza, per garantire un adeguato comfort termico, è necessario consumare molta energia o gas per riscaldare l’ambiente.
  • Involucro edilizio. Il riscaldamento del capannone passa anche attraverso un efficiente sistema di isolamento termico dell’edificio. Purtroppo però, generalmente, questo tipo di edifici non possiede delle ottime caratteristiche di isolamento termico ed è soggetto ad una forte dispersione termica.
  • Individuazione e separazione delle aree che necessitano di un riscaldamento costante da quelle che non lo necessitano. Questo semplice accorgimento può portare ad un risparmio energetico davvero notevole.
  • Ore di riscaldamento giornaliere. E’ necessario considerare il periodo di occupazione del capannone per capire quale sistema di riscaldamento è più efficiente in relazione alle ore utili.

Riscaldamento capannoni

Le tecnologie su cui si basano i sistemi per il riscaldamento dei capannoni di un attività industriale, logistica, commerciale o di qualunque tipo di impresa sono diverse. Ognuna di esse si differenzia dalle altre per molteplici aspetti come ad esempio i seguenti:

  • combustibili utilizzati,
  • strategia di approvvigionamento di questi combustibili;
  • se è necessaria o meno l’elettricità per ottenere il calore desiderato,
  • se è previsto o meno l’utilizzo di fonti di energia rinnovabili,
  • come viene utilizzato il calore prodotto per riscaldare gli ambienti,
  • l’efficienza del sistema di riscaldamento dei capannoni.

Per essere ancora più chiari, in commercio esistono caldaie in grado di generare una grande potenza a gas naturale, a gasolio e biomassa. Ma esistono anche impianti che sfruttano la tecnologia delle pompe di calore, che magari riescono sia a riscaldare che a raffrescare gli ambienti sui quali sono installate.

Abbiamo riassunto le principali soluzioni sulle quali si basano i diversi sistemi di riscaldamento capannoni qui di seguito.

Impianti a gas naturale

Gli impianti a gas naturale, così come quelli a gasolio, continueranno, almeno nel breve periodo, ad essere una tra le soluzioni più scelte. Nel lungo periodo invece, ricorrere a questi sistemi sarà una soluzione sempre meno conveniente: basta comprendere cosa sta succedendo adesso con i continui rincari sul costo del gas.

Tuttavia, dobbiamo anche considerare che, per coloro che possiedono un impianto di riscaldamento di questo tipo, sostituirlo potrebbe essere una spesa molto onerosa. Per questo spesso costoro optano per una riqualificazione dell’impianto e non per una sua sostituzione. E spesso, una riqualificazione dell’impianto prevede il cambio del combustibile con cui è alimentato (ad esempio da metano a gpl). Con una fuel switching fatta adeguatamente si possono anche riuscire a ridurre i costi del riscaldamento dei capannoni anche del 25%.

Impianti di riscaldamento capannoni a biomassa

Una soluzione per il riscaldamento dei capannoni potrebbe essere rappresentata dai sistemi a biomassa. Specifichiamo che per biomassa intendiamo impianti per la combustione di trucioli di legno, scarti della lavorazione del legno, pellet e cippato.

Indubbiamente infatti ricorrere alle biomasse per produrre il calore necessario al riscaldamento del capannone è sicuramente più vantaggioso da un punto di vista economico.  Un risparmio maggiore significa anche che il tempo di rientro dell’investimento per l’installazione di questo tipo di riscaldamento sarà indubbiamente minore. Risparmio maggiore che è stato messo a dura prova dai recenti rincari subiti dalle biomasse, ma che in futuro sarà ancora garantito.

Inoltre, l’alimentazione a biomassa degli impianti di riscaldamento ti permetterà di far diventare la più azienda ancora più carbon free visto che potrà beneficiare di una notevole riduzione delle emissioni di CO2.

Cogeneranzione

La cogenerazione di energia consiste nell’avvalersi di sistemi in grado di produrre energia termica ed energia elettrica all’interno di un unico dispositivo (ad esempio la caldaia a idrogeno). Addirittura, in alcuni casi, è possibile anche produrre energia frigorifera rendendo fattibile un impianto di trigenerazione.

Alcuni cogeneratori inoltre utilizzano la tecnologia della condensazione e riescono a recuperare il calore latente dei fumi di scarico riutilizzandolo per il riscaldamento degli ambienti. Per questo tali sistemi di riscaldamento dei capannoni hanno un rendimento davvero elevato.

Il vantaggio di un sistema di cogenerazione è il fatto si tratta di un sistema compatto e dimensioni ridotte, almeno rispetto a quelle del capannone. Il sistema è infatti composto da un motore, un generatore, un sistema di recupero del calore, un mantello insonorizzato e da un sistema di regolazione. Infine si tratta di un sistema di facile installazione.

Riscaldamento capannoni a pompa di calore

Un’altra tecnologia per riscaldare i capannoni o i magazzini di un’impresa è quella delle pompe di calore ovvero di dispositivi in grado di trasferire in modo efficiente energia da una sorgente all’altra.

Le pompe di calore sono particolarmente convenienti per questi motivi:

  • dimensioni particolarmente ridotte, 
  • bassa rumorosità,
  • basso impatto ambientale,
  • ridotti consumi di energia elettrica che può essere anche prodotta da un impianto fotovoltaico,
  • capacità sia di riscaldare gli ambienti che di raffreddarli. Proprio quest’ultima caratteristica è davvero interessante visto che permette di utilizzare questi dispostivi sia d’estate che d’inverno.

I migliori sistemi di riscaldamento

Ognuna delle soluzioni sopra elencate corrisponde in genere un sistema che più si adatta alle caratteristiche della tecnologia impiegata. Abbiamo cercato di riassumere insieme ai nostri esperti i migliori sistemi di riscaldamento dei capannoni industriali qui di seguito.

  • Riscaldamento a pavimento. Si tratta di un sistema di distribuzione del calore che sfrutta serpentine posizionate al di sotto del pavimento della superficie da riscaldare. I capannoni industriali sono scarsamente isolati dal punto di vista termico oltre ad essere molto alti, per questo il riscaldamento a pavimento è un sistema che permette di mantenere in maniera efficace il calore nella parte bassa dell’ambiente.
  • Tubi microforati. Si tratta di tubazioni forate per il passaggio dell’aria che sono sistemati solitamente nella parte alta del capannone e consentono quindi una distribuzione del calore omogenea. Solitamente questo sistema è collegato ad una centrale termica che sfrutta la tecnologia di caldaie, pompe di calore ecc. oltre ad una unità di trattamento dell’Aria. Per adatta a capannoni aperti o molto alti è necessario utilizzare dei de-stratificatori.
  • Generatori d’aria calda da parete. Si tratta di sistemi riscaldamento capannoni “puntuali” e semplici composti solamente da una ventola e da un bruciatore. La ventola non fa altro che diffondere l’aria scaldata dal bruciatore. Solitamente questi sistemi sono poco efficienti e pertanto non sono molto utilizzati.
  • Riscaldamento a irraggiamento. Questi sistemi utilizzano i raggi infrarossi che riscaldano solamente alcune zone del capannone individuate in precedenza come ad esempio quelle in cui si trovano i dipendenti che lavorano. Sono in grado di direzionare il calore in modo efficace non provocando movimenti d’aria. Pertanto quindi garantiscono una minore dispersione termica.

Solar Cash: i tuoi esperti i sistemi di riscaldamento per i capannoni industriali

Stai cercando anche tu di risparmiare il più possibile sulle bollette per il riscaldamento dei capannoni della tua azienda? Allora rivolgiti ai nostri esperti per trovare la soluzione più adatta alle tue esigenze. Compila il form in questa pagina con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!

#gates-custom-638e5107b0b90 h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e5107b0b90 h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e5107b0b90 h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!


Compila il form con i tuoi dati

Credito d’imposta gas ed elettricità per le imprese: come cambia con il DL176/2022?

Credito d’imposta gas ed elettricità per le imprese: ecco come cambia dopo l’approvazione del Decreto Aiuti Quater

Home » Blog

 

Il credito d’imposta gas ed elettricità per le imprese sarà prorogato. Questa è la conclusione che è possibile trarre dopo l’approvazione del Decreto Aiuti Quater (Decreto Legge 18 novembre 2022, n. 176)  da parte del governo Meloni.

Assieme ad esso verrà prorogato anche il credito d’imposta sul carburante agricolo fino a dicembre 2022. Inoltre, mentre queste misure venivano definite più precisamente, è stato convertito in legge il precedente DL Aiuti Ter. Quindi è stata parimenti confermata l’estensione a 62mila euro della garanzia Ismea sui finanziamenti per fronteggiare il caro energia.

La pubblicazione in Gazzetta ufficiale del Decreto Aiuti Quater (entrato in vigore il 19 novembre 2022) e la conversione in legge del DL Aiuti Ter (entrato in vigore il 17 novembre 2022) sono arrivate in rapida successione. D’altronde non poteva essere altrimenti visto che sono dei provvedimenti concatenati fra di loro visto che uno proroga le misure contenuto dell’altro.

Questi sono provvedimenti che, come abbiamo appena avuto modo di anticipare, porteranno importanti novità al mondo agricolo e al mondo imprenditoriale. Abbiamo quindi deciso di esaminare attentamente la proroga del credito d’imposta gas ed elettricità per le imprese e le altre misure contenuti in questi provvedimenti in questo articolo.

Continua a leggere per scoprire tutte le novità!

La proroga del credito d’imposta gas ed elettricità per le imprese

Una delle missioni più importanti del governo presieduto da Giorgia Meloni è sicuramente quella di contrastare il caro energia. Per questo con i DL elencati in precedenza, il governo ha di fatto prorogato le misure già adottate negli scorsi mesi a sostegno di tutte le imprese dal Governo di Mario Draghi. Tra questi figura appunto il credito di imposta gas ed elettricità per le imprese.

credito di imposta gas ed elettricità per le imprese: la proroga di quello relativo all’elettricità

La legge di conversione conferma quanto contenuto nel Decreto Aiuti Ter. Questo significa che:

  • le imprese non energivore dotate di contatori di energia elettrica di potenza disponibile pari o superiore a 4,5 kW potranno fruire di un credito d’imposta pari al 30% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica effettivamente. Questo credito d’imposta potrà essere utilizzato nei mesi di ottobre e novembre 2022 solo nel caso in cui si sia verificato un aumento del prezzo di acquisto superiore al 30% rispetto allo stesso periodo del 2019.
  • Le imprese energivore potranno usufruire della stessa misura ma con un aliquota del credito d’imposta per l’elettricità aumentata al 40%.

Il Decreto Aiuti Quater, voluto dal Governo Meloni, invece proroga la scadenza di tale misura al mese di dicembre 2022.

Credito d’imposta per le imprese per il metano

Anche in questo caso la legge di conversione conferma quanto contenuto nel Decreto Aiuti Ter. Questo significa che:

  • alle imprese si applica un’aliquota di credito d’imposta del 40% per la spesa sostenuta per l’acquisto, in relazione ai consumi dei mesi di ottobre e novembre 2022. Anche in questo caso è necessaria la condizione che si sia verificato un aumento dei prezzi del gas superiore al 30% rispetto allo stesso periodo del 2019.
  • La stessa aliquota del credito d’imposta per il gas è confermata anche per le imprese gasivore.

Il Decreto legge Aiuti Quater del governo Meloni proroga tale misura sul mese di dicembre 2022.

Carburanti agricoli

Non solo credito d’imposta gas ed elettricità per le imprese in genere. La conversione in legge del Decreto Aiuti Ter e l’approvazione del successivo Decreto Aiuti Quater porta con sé anche delle misure specifiche per le imprese agricole e della pesca e per quelle agromeccaniche.

Per queste imprese la conversione del Decreto Aiuti Ter conferma l’estensione al quarto trimestre 2022 del credito di imposta per acquisto di carburante a parziale compensazione dei maggiori oneri effettivamente sostenuti per l’acquisto di gasolio e benzina per la trazione dei mezzi utilizzati. Questo credito d’imposta ammonta al 20% dei costi effettivamente sostenuti per l’acquisto del carburante effettuato nel quarto trimestre solare del 2022. Ovviamente tale acquisto dovrà essere comprovato dalle relative fatture d’acquisto, al netto dell’imposta sul valore aggiunto.

Il credito di imposta riguarda anche le imprese agromeccaniche (contoterzisti) e l’utilizzo per il riscaldamento delle serre, dei fabbricati produttivi utilizzati per gli allevamenti animali. In questo modo l’allora governo Draghi ha cercato di venire incontro alle richieste dei settori maggiormente colpiti dall’aumento dei costi energetici. Tuttavia il governo Meloni non ha incluso questa misura nelle proroghe previste dal DL Aiuti Quater.

Nel DL 176/2022 a firma del neo-governo è però contenuta la proroga, dal 19/11 al 31/12/2022 delle aliquote base sulle accise di benzina e gasolio. Riportiamo quindi qui di seguito quelle che sono state prorogate:

  • Benzina agricola: 234,42 euro/1.000 litri;
  • Gasolio agricolo: 80,83 euro/1.000 litri.

Garanzia Ismea al 100%: fino a 62mila euro

La legge di conversione del Decreto Aiuti Ter infine non modifica l’articolo 17 di questo provvedimento. Era proprio l’articolo 17 ad innalzare l’importo massimo dei finanziamenti garantiti Ismea, con copertura al 100%, relativamente al credito bancario richiesto dagli agricoltori per fronteggiare il caro energia.

Se tale limite era stato previsto ed individuato dall’articolo 20 del Decreto Aiuti Bis nel limite in 35mila euro ora è stato innalzato a 62mila.Tale innalzamento della soglia assoggettabile a garanzia del 100%, vigente il Decreto Legge, come già riportato in questo articolo, era stato già approvato anche dalla Commissione Ue.

Per rimanere aggiornato sulle ultime novità compila il form in questa pagina con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!

#gates-custom-638e5107b79ab h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e5107b79ab h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e5107b79ab h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!


Compila il form con i tuoi dati

Il risparmio energetico aziende, la chiave dell’ecosostenibilità

Vuoi dare un svolta green alla tua azienda ma non hai ancora capito cosa comporta? Scegli Solar Cash per puntare tutto sul risparmio energetico della tua azienda

Home » Blog

 

Portare il risparmio energetico nelle aziende è un compito arduo e non immediato. Tuttavia è uno di quegli sforzi che valgono la pena di essere compiuti visto che è l’unica strada da percorrere se si vuole ridurre l’impatto ambientale della propria attività. Installare un impianto fotovoltaico aziendale infatti ti permetterà di fare un passo importante verso la Carbon Neutrality della tua impresa. Ma non solo, grazie a questa tecnologia potresti anche risparmiare un’enorme quantità di energia.

Installare il fotovoltaico per produrre energia elettrica quindi è un grande passo in ottica di rendere la tua azienda sostenibile. Ma cosa significa rendere un’ impresa sostenibile? Cosa c’entra il risparmio energetico aziende con la loro sostenibilità?

Abbiamo cercato di fare chiarezza in questo approfondimento. Per scoprire di più continua a leggere!

Quando un’impresa è sostenibile?

Un’impresa sostenibile è un impresa che fa di tutto per ridurre il proprio impatto ambientale (carbon footprint), sociale ed economico. Ogni azienda, durante lo svolgimento delle proprie attività, può infatti produrre effetti dannosi sull’ambiente. Una volta che l’azienda avrà acquisito questa consapevolezza potrà dire di essere pronta a migliorare il proprio business. Come? Mettendo in campo quelle azioni volte a ridurre i propri effetti dannosi sull’ambiente.

La prima cosa da fare è ragionare strategicamente in modo da includere scelte e comportamenti aziendali e di marketing orientati al rispetto dell’ambiente. Adottare politiche di risparmio energetico delle imprese sfruttando l’energia solare e quindi installando impianti fotovoltaici è sicuramente parte del ragionamento.

Vogliamo spingerci oltre. La sostenibilità è a nostro avviso un sinonimo di risparmio energetico per le aziende. Questo perché  ottimizzare i propri processi in un’ottica green significa anche ridurre tempistiche e sprechi inutili all’interno della propria attività. Inoltre, queste pratiche contribuiscono in maniera significativa ad aumentare i profitti aziendali dal momento che i consumatori sono molto attenti a queste scelte premiando le aziende che lo compiono.

Ma tutto ciò non basta. Per diventare un’impresa sostenibile infatti è necessario anche considerare vari fattori sociali. Potrebbe essere utile, ad esempio, favorire lo sviluppo sociale della propria azienda nel rispetto dei diritti e della salute dei propri dipendenti.

Risparmio energetico e considerazione di fattori sociali sono quindi gli accorgimenti da mettere in atto se vuoi far diventare più sostenibile la tua impresa.

Le scelte green favoriscono il risparmio energetico aziende

Per il momento abbiamo solamente parlato delle politiche che un impresa può adottare per potersi definire sostenibile. Ma la sostenibilità delle imprese porta anche diversi vantaggi che derivano dalle scelte green che hanno adottato. Proviamo ad elencare questi vantaggi qui di seguito.

Vantaggi ambientali

L’adozione di politiche di riduzione dell’impatto ambientale delle attività produttive delle imprese porta dei vantaggi tangibili all’ambiente. L’adozione di politiche di risparmio energetico per le aziende e la conversione dei sistemi di produzione dell’energia da fonti rinnovabili ha conseguenze positive non solo sulla Terra ma anche direttamente sulla tua impresa.

Da un lato la riduzione delle emissioni di CO2 può certamente contribuire alla lotta ai cambiamenti climatici in atto. Dall’altro, dare un’immagine green significa mostrarsi consapevoli delle problematiche ambientali. Ed oggi il rispetto del nostro pianeta è fondamentale non solo dal punto di vista etico ma anche sociale, per lasciare alle generazioni future un mondo più vivibile.

Vantaggi economici

Sono due i vantaggi economici più evidenti che derivano dal risparmio energetico nelle aziende quando queste scelgono di installare un impianto fotovoltaico:

  • riduzione dei costi in bolletta. Autoconsumare l’energia ottenuta dai pannelli fotovoltaici consentirà alla tua attività di ridurre il consumo di energia a pagamento. Un risparmio energetico delle imprese che si traduce quindi in una drastica riduzione dei costi della bolletta dell’elettricità. Inoltre scegliendo un impianto con batterie ad accumulo, infatti, l’energia prodotta e non consumata viene conservata e riutilizzata nei momenti di bisogno.
  • Scambio sul Posto o Ritiro Dedicato: L’impianto fotovoltaico della tua impresa potrebbe anche produrre più energia di quella consumata dalla tua attività. Cosa fare quindi con questa energia in eccesso? Essa può essere immessa in rete attraverso il meccanismo dello Scambio sul Posto dietro un corrispettivo economico che si aggiunge ai risparmi in bolletta. In alternativa, con il Ritiro Dedicato, puoi rivendere direttamente al GSE questa energia.

Incentivi fiscali che si sommano al risparmio energetico delle aziende

Oltre ai vantaggi finora menzionati derivanti dal risparmio energetico delle aziende, queste ultime possono anche godere di agevolazioni fiscali per l’installazione di impianti fotovoltaici. In particolare ricordiamo le seguenti:

  • credito d’imposta al 6%: su una spesa massima di 1 milion3 di euro le imprese che desiderano installare un impianto fotovoltaico potranno usufruire di questa detrazione fiscale. Il credito è valido fino al 31/12/2022
  • Reverse Charge: un meccanismo fiscale che permette alle aziende che acquistano un impianto fotovoltaico di essere esentate dal pagamento immediato dell’IVA
  • Nuova Sabatini: provvedimento finalizzato a migliorare l’accesso al credito delle piccole e medie imprese per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature
  • Incentivi per le comunità energetiche. L’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico aziendale può anche essere condivisa fra i membri di una comunità energetica e da essi consumata. In questo modo i membri di una C.E.R. possono avere accesso, per la quota di energia che prelevano dalla rete nazionale a delle tariffe incentivanti (ne parliamo meglio qui)

I vantaggi offerti da Solar Cash

Se decidi di investire nel risparmio energetico per la tua impresa, sappi che possiamo offrirti un ulteriore vantaggio: quello dato dal nostro servizio completo. L’installazione di un impianto fotovoltaico con Solar Cash infatti ti garantirà:

  • sopralluogo nella tua azienda per valutare al meglio le caratteristiche dell’impianto da installare sulla struttura in base alle tue esigenze;
  • installazione chiavi in mano, gestita interamente dai nostri tecnici installatori;
  • gestione dell’intera documentazione burocratica;
  • elaborazione della soluzione finanziaria migliore in base anche all’ottenimento degli incentivi fiscali;
  • servizio di assistenza e di supporto post installazione.

Non vedi l’ora di adottare politiche di risparmio energetico delle aziende?

Allora compila il form che trovi in questa pagina ed aspetta di essere ricontattato da un nostro consulente con tutte le informazioni che desideri.

#gates-custom-638e5107be474 h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e5107be474 h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e5107be474 h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!


Compila il form con i tuoi dati

Indipendenza energetica: per le aziende è un sogno o può essere realtà?

Le aziende puntano sempre di più a raggiungere l’indipendenza energetica per risparmiare sui costi energetici. Ma questo obiettivo è un sogno o è realtà?

Home » Blog

 

Quando si parla di transizione energetica, troppo spesso l’attenzione è focalizzata sui benefici ambientali che porterebbe il ricorso alle fonti rinnovabili. Tuttavia, se è vero che questo aspetto è molto importante, è necessario considerare anche altri aspetti altrettanto importanti come ad esempio quelli economici. Un’azienda che decide di investire per ottenere l’indipendenza energetica infatti può godere di risparmi economici incredibili.

Ma cosa si intente per indipendenza energetica? Perché riuscire ad ottenerla è molto importante per le aziende da un punto di vista economico?

Abbiamo esaminato l’argomento in questo approfondimento. Continua a leggere per scoprire di più sull’indipendenza energetica!

Che cos’è l’indipendenza energetica?

Prima di proseguire con il nostro ragionamento, riteniamo sia importante focalizzare la nostra attenzione sulla definizione “indipendenza energetica”.

Essere indipendenti da un punto di vista energetico significa diventare completamente autonomi dalla rete elettrica nazionale. Per farlo è necessario adottare soluzioni e sistemi che provvedono ad alimentare la propria azienda. Non ricorrendo all’energia della rete elettrica nazionale di fatto, la tua azienda si ritroverebbe a non dover pagare più le bollette ottenendo grandiosi risparmi.

Inoltre, l’energia elettrica che circola all’interno della rete nazionale solitamente deriva da combustibili fossili ed idrocarburi. Sono proprio i gestori elettrici nazionali a trasformare questi combustibili in energia elettrica producendo però elevate quantità di gas serra. Come se non bastasse, questo processo da anche luogo a sprechi inutili di risorse.

L’indipendenza energetica quindi contribuisce ad ottimizzare l’intero processo aziendale in quanto, oltre a produrre da sola l’energia necessaria al proprio autosostentamento, la tua azienda ridurrà ance gli sprechi di energia ed i costi della fornitura elettrica.

Un’azienda può davvero autoprodurre ed autoconsumare energia per essere indipendente?

La risposta a questa domanda è si. Tuttavia avremo modo di approfondire questo argomento tra poco. Questo perché, prima di autoprodurre energia, per la tua impresa è importante conoscere alcuni fattori come quelli che abbiamo elencato qui di seguito:

  • Conoscere il proprio fabbisogno energetico medio (mensile o annuo)
  • Capire se la tua azienda è in grado di produrre energia senza appoggiarsi al GSE
  • Avere un piano di azione nel caso in cui l’energia auto-prodotta non sia sufficiente ad alimentare la tua impresa.

Essere al corrente di questi dati è importantissimo dal momento che, come sicuramente saprai già, non tutte le aziende hanno la possibilità di soddisfare i propri bisogni energetici. Possono infatti incombere insormontabili problemi economici ed organizzativi oltre che, più semplicemente, per mancanza di superfici adeguate.

Quello che è importante capire in questo passaggio è che il concetto di indipendenza energetica è abbastanza ampio. Con indipendenza energetica infatti non si indica la completa autonomia dalla rete nazionale della tua impresa, quanto piuttosto riuscire a sostentare la propria azienda in autonomia per una buona percentuale del fabbisogno.

L’indipendenza energetica è quindi il primo passo nella lotta contro i consumi che impattano maggiormente sull’ambiente e sulle spese della propria impresa. Per vincere questa battaglia c’è solo un modo: installare un impianto fotovoltaico aziendale (ne parliamo anche qui).

I migliori alleati dell’indipendenza energetica sono gli impianti fotovoltaici

Ottenere l‘indipendenza energetica, per un’impresa, potrebbe sembrare un obiettivo irraggiungibile. Per fortuna oggi non è più così.

Ci sono infatti diverse fonti di energia, anche rinnovabili, che possono aiutare la tua attività a dipendere sempre meno dalla fornitura pubblica. In particolare, la fonte rinnovabile per eccellenza che permette di ottenere un alto grado di indipendenza energetica alla tua azienda è il fotovoltaico. Produrre elettricità a partire dall’energia solare ha infatti dei benefici incredibili nel lungo termine.

Il vero problema del fotovoltaico è che, nonostante i suoi vantaggi siano riconosciuti, i suoi costi sono elevati. I pannelli fotovoltaici sono infatti percepiti come dispendiosi, e questo scoraggia molto le aziende. Peccato che tutto questo non corrisponda proprio alla realtà. Sì, è vero: i costi per il fotovoltaico sono consistenti, soprattutto se si devono realizzare impianti aziendali da qualche MW. Tuttavia, l’indipendenza energetica che si ricava, e quindi l’autoconsumo di energia di cui potrebbe fruire la tua impresa, è sufficiente a ricoprire l’intero investimento in pochi anni per poi produrre notevoli guadagni. Inoltre il costo dell’investimento può essere notevolmente ridotto grazie agli incentivi fiscali per le imprese di cui parliamo qui.

Una verità quest’ultima, ancora più forte se la tua impresa adotterà, insieme ai moduli fotovoltaici, un sistema di accumulo dell’energia. Questo non è altro che un insieme di batterie tramite cui è possibile immagazzinare l’energia prodotta in surplus e conservarla per il futuro, nei momenti di necessità. In sostanza, l’energia non autoconsumata di giorno, potrebbe essere stoccata e riutilizzata quando l’impianto non funziona, ad esempio di notte.

E’ possibile raggiungere l’indipendenza energetica anche restando collegati alla rete elettrica?

Se stai pensando che per raggiungere l’indipendenza energetica devi scollegarti dalla rete elettrica nazionale stai sbagliando. Tra poco scopriremo il perché.

Prima di approfondire questo argomento è necessario distinguere le diverse tipologie di impianti fotovoltaici. Esistono infatti:

  • impianti on-grid, che sono solitamente connessi alla rete nazionale
  • impianti off-grid o a isola, installati in zone remote o scollegate dai centri abitati e per le quali sarebbe dispendioso provvedere agli allacciamenti elettrici

Questo significa che si può essere energeticamente autonomi senza collegamento alla fornitura elettrica solo in caso di impianti off-grid. Per quanto riguarda gli on-grid, invece è necessario valutare attentamente la capacità di autoproduzione dell’impianto.

Rimanere collegati alla rete non è uno svantaggio. Anzi. In questo modo avrai sempre la sicurezza che, in caso l’impianto non riesca a produrre abbastanza energia per soddisfare i tuoi consumi, potrai contare sull’energia della rete elettrica nazionale. Pertanto ricorrere a questo tipo di impianti è fondamentale quando:

  • non hai la possibilità di installare un impianto che produce energia elettrica che riesca a soddisfare il fabbisogno energetico della tua impresa;
  • è notte o ci sono giornate nuvolose, durante le quali il pannello non sfrutta l’irraggiamento solare
  • ci sono problemi di stabilità o malfunzionamento nell’impianto.

Conclusioni

Per raggiungere l’indipendenza energetica non è necessario staccarsi dalla rete nazionale. Anzi è più proficuo sfruttare l’energia fotovoltaica in concomitanza con quella elettrica fornita dagli enti pubblici.

In questo modo potrai comunque ottenere vantaggi notevoli ed avrai la sicurezza di avere sempre a disposizione un allacciamento in caso di bisogno. Questi vantaggi sono particolarmente elevati da un punto di vista economico, visto che sarai in grado di ridurre notevolmente il costo delle bollette, ma anche ambientali. Producendo energia tramite il sole, non emetterai CO2 in atmosfera e farai calare notevolmente la domanda di energia prodotta con combustibili fossili e quindi inquinanti.

Ti abbiamo convinto sulla validità dell’indipendenza energetica? Allora compila il form che trovi in questa pagina ed aspetta di essere ricontattato da un nostro consulente con tutte le informazioni che desideri.

#gates-custom-638e5107c4b7a h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e5107c4b7a h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e5107c4b7a h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!


Compila il form con i tuoi dati

Detrazione 65 % imprese per sostituzione riscaldamento: è valida nel 2023?

Detrazione 65 % imprese per sostituzione riscaldamento. In cosa consiste? E’ valida nel 2023? Come si può ottenere? Ne parliamo qui di seguito

Home » Blog

 

Le bollette, soprattutto quelle del gas, rappresentano una grossa voce di spesa per le imprese. I contratti di fornitura dell’energia per le aziende infatti sono legate in maniera indissolubile al costo della materia prima, quindi del gas metano. Un costo che, anche grazie all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, è notevolmente aumentato. Ed è proprio a causa di questi aumenti vertiginosi che molte imprese rischiano di dover chiudere i battenti visto che i costi di produzione non sono più economicamente sostenibili.

Questa situazione è inoltre ancora peggiore per tutte quelle imprese che basano il loro sistema di climatizzazione invernale sulle vecchie ed inefficienti caldaie. Con questi sistemi di riscaldamento i consumi sono più elevati e di conseguenza lo saranno anche i costi. L’unica soluzione per abbattere questi costi è sostituire la tua vecchia caldaia con una nuova oppure puntare tutto su un impianto di riscaldamento ad energie rinnovabili. 

In entrambi i casi, l’investimento da sostenere non è affatto piccolo. Per questo comprendiamo appieno la tua titubanza, in qualità di imprenditore, di implementare questo tipo di cambiamento. Ma non tutto è perduto, abbiamo infatti una bella notizia da darti.

Con la detrazione 65 % imprese per sostituzione caldaia o sistema di riscaldamento potresti sostenere solo il 35% del costo totale della spesa per questi interventi! Lo stato italiano infatti, sia per agevolare gli interventi di risparmio energetico delle imprese, che per abbattere le emissioni di CO2, ha approvato una serie di incentivi, fra cui appunto al detrazione al 65% per imprese e privati cittadini.

Ma cosa è di preciso la detrazione 65 % per le imprese? Come funziona? Chi può richiederla?

Rispondiamo a queste domande in questo approfondimento.

Detrazione 65 % imprese: cosa è?

I privati cittadini ed i titolari di reddito d’impresa, in qualità di contribuenti, possono avere diritto a detrarre il 65% della spesa sostenuta per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici.

In particolare, le persone fisiche possono ottenere una detrazione del 65% dall’Irpef, mentre i titolari di reddito d’impresa dall’Ires. Gli imprenditori o i titolari di un’attività però possono fruire della detrazione fiscale solo con riferimento ai fabbricati strumentali utilizzati nell’esercizio dell’attività imprenditoriale.

Questo significa che la detrazione 65 % per le imprese spetta agli imprenditori che decidono di riqualificare da un punto di vista energetico lo stabile in cui ha sede la loro attività. In sostanza, la detrazione spetta anche per interventi come la sostituzione della vecchia caldaia o del vecchio impianto di riscaldamento del capannone industriale. Ma quali sono i limiti di questa detrazione 65 % per le imprese?

Abbiamo cercato di fornire un quadro completo della situazione qui di seguito.

Chi può usufruire della detrazione fiscale 65?

Tutti i contribuenti, sia residenti che non, sia titolari di reddito d’impresa che non, che possiedono, a qualsiasi titolo, l’immobile oggetto di intervento, possono accedere alla detrazione. Ricapitolando, possono accedere alla detrazione fiscale 65 % i seguenti soggetti:

  • Le persone fisiche (inclusi gli esercenti arti e professioni);
  • Chi consegue reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali);
  • Enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale.

La condizione indispensabile per usufruire di questa detrazione è quella di effettuare gli interventi di sostituzione dell’impianto su unità immobiliari e su edifici o su parti di essi esistenti. Non ci sono vincoli a livello di categoria catastale, quindi possono essere sia edifici rurali che beni strumentali per attività d’impresa o professionale.

Infine merita precisare che l’agevolazione spetta non solo ai proprietari degli immobili ma anche ai titolari di diritti reali/personali di godimento sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sostengono le relative spese.

Quali sono gli interventi ammessi alla detrazione 65%?

Puoi ottenere la detrazione 65 % per le imprese non solamente per la sostituzione di una caldaia o di un impianto di climatizzazione invernale ma per molti altri interventi. Abbiamo quindi ritenuto opportuno ricapitolare tutti quegli interventi che possono fartela ottenere  qui di seguito:

  • acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili
  • acquisto, installazione e messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento, di produzione di acqua calda, di climatizzazione delle unità abitative
  • acquisto e posa in opera di generatori d’aria calda a condensazione
  • acquisto e posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti
  • interventi sull’involucro degli edifici
  • installazione di pannelli solari
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale
  • acquisto e posa in opera delle schermature solari
  • acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili
  • acquisto, installazione e messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento, di produzione di acqua calda, di climatizzazione delle unità abitative
  • acquisto e posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione

Tutte le percentuali di detrazione previste

La detrazione 65 % per le imprese non prevede solo un’aliquota di detrazione al 65%, ma per alcuni interventi specifici prevede una detrazione minore, al 50%. E’ quindi bene specificare quali sono questi casi particolari in cui la detrazione è pari alla metà della spesa da sostenere che riguardando in particolare la sostituzione e l’installazione di una :

  • caldaia a biomassa in classe V oppure Caldaia a condensazione almeno di classe A: 50%;
  • caldaia a condensazione in classe A è del 50%;
  • caldaia a condensazione in classe A e sistemi di termoregolazione evoluti (appartenenti alle classi V, VI o VIII) è del 65%;
  • pannelli solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria o come integrazione al riscaldamento: 65%;
  • impianto di riscaldamento invernale con Pompa di calore ad alta efficienza (aria-acqua, aria-aria): 65%.

Chi può usufruire della detrazione 65 caldaia?

Tutti i contribuenti che possiedono, a qualsiasi titolo, l’immobile oggetto di intervento, possono accedere alla detrazione 65 imprese per la sostituzione dell’impianto di climatizzazione invernale. L’importante è che l’edificio oggetto di intervento sia già esistente. Gli edifici di nuova costruzione quindi non potranno accedere alla detrazione.

Non ci sono vincoli da rispettare anche da un punto di vista catastale. Ciò significa che potrai ottenere la detrazione anche nel caso in cui effettui gli interventi su di un edificio che rappresenta un bene strumentale per la tua attività d’impresa o professionale o nel caso sia un edificio rurale.

Come funziona la detrazione fiscale?

Fino al 2019 era possibile usufruire della detrazione 65 imprese tramite le stesse modalità di tutte le altre detrazioni fiscali. In sostanza era possibile solamente recuperare il 65% dell’importo totale cui ammontavano i lavori di riqualificazione energetica tramite 10 rate annuali di pari importo da detrarre in dichiarazione dei redditi.

Tuttavia, il DL Rilancio ha ampliato le modalità di usufrutto cui è possibile usufruire della detrazione. In particolare, sono state introdotte due nuove modalità. La cessione del credito d’imposta e lo sconto in fattura. 

Questo significa che, una volta che avrai sostenuto l’intervento di riqualificazione energetica, otterrai un credito d’imposta del valore del 65% della spesa che hai sostenuto per l’intervento. Quindi se la spesa per la sostituzione del vecchio impianto di climatizzazione invernale ammonta a 100.000 euro, potrai ottenere un credito d’imposta di 65.000 €. Cedendo questo credito all’impresa che effettua i lavori potrai ottenere un immediato sconto in fattura di pari importo e quindi pagare solamente il 35% della spesa!

Come accedere alla detrazione fiscale 65%?

Fermo restando il requisito indispensabile di aver effettuato gli interventi su edifici o unità immobiliari esistenti per beneficiare della detrazione fiscale 65 è necessario essere in possesso dei seguenti documenti:

  • L’asseverazione da parte di un tecnico abilitato;
  • L’attestato di prestazione energetica (APE);
  • La scheda informativa relativa agli interventi realizzati, redatta secondo lo schema riportato nell’allegato E o F del decreto attuativo (D.M. 19 febbraio 2007).

Inoltre, entro il termine ultimo dei 90 gg successivi dalla fine dei lavori, questi documenti vanno trasmessi all’ENEA.

Detrazione 65% imprese fino al 31 dicembre 2024! Sostituisci subito il tuo vecchio impianto di riscaldamento aziendale!

Usufruire della detrazione 65 imprese è un ottimo modo per sostituire l’impianto di riscaldamento della tua azienda abbattendo drasticamente il costo dell’investimento! Ottenendo uno sconto in fattura del 65% infatti pagherai solamente il 35% del costo totale che avresti dovuto sostenere senza la detrazione.

Sbrigati però! Al momento infatti è possibile usufruire di questa agevolazione solo fino al 31 dicembre del 2024! Non aspettare che sia troppo tardi e cogli al volo l’opportunità di risparmiare il 65% del costo per la sostituzione del vecchio impianto di riscaldamento.

Ricordati inoltre che l’opportunità di risparmio non è solamente inerente allo sconto in fattura. Il risparmio da considerare è anche quello che il nuovo sistema di riscaldamento ti permetterà di ottenere sulle attuali bollette del gas! Grazie a questi nuovi impianti o una nuova caldaia a condensazione il tuo bilancio aziendale sarà gravato in maniera molto minore dai costi per il riscaldamento.

L’importanza di rivolgersi a degli esperti come Solar Cash

Noi di Solar Cash s.r.l. siamo specializzati in riqualificazioni energetiche di ogni tipo ma anche nella gestione del credito d’imposta e dello sconto in fattura. Per questo siamo in grado di offrirti tutto il nostro supporto e know-how per ottenere la detrazione 65 % per le imprese.

Quando si parla di detrazioni fiscali infatti è sempre bene rivolgersi a degli esperti del settore onde evitare di perdere il contributo, nel migliore dei casi, o di incorrere in pesanti sanzioni anche penali.

Vuoi scoprire di più sulla detrazione 65 imprese? Allora Compila il modulo che trovi in questa pagina con i tuoi dati e ricevi la nostra offerta!

#gates-custom-638e5107cba8c h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e5107cba8c h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e5107cba8c h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!


Compila il form con i tuoi dati

Agevolazioni risparmio energetico per le imprese per il 2023

Quali sono le agevolazioni risparmio energetico per le imprese di cui puoi usufruire nel 2023?

Home » Blog

 

Quella di investire nella riqualificazione energetica della propria azienda o impresa è una decisione che non possiamo non definire come saggia e lungimirante. I motivi sono molti e sotto gli occhi di tutti.

Innanzitutto, investire in questo ambito è conveniente da un punto di vista economico. Riqualificare da un punto di vista energetico gli edifici della tua azienda infatti ti permetterà di risparmiare sugli altissimi costi delle bollette. Gas e luce infatti, nel corso degli ultimi sei mesi sono aumentati enormemente tanto da rischiare di far chiudere diverse imprese o attività.

Inoltre c’è anche la necessità di porre un freno alla quantità di CO2 che viene immessa in atmosfera. Solo così infatti è possibile mitigare le conseguenze dei cambiamenti climatici in atto, un aspetto quest’ultimo che sta sempre più a cuore delle persone. Puntare sulla sostenibilità ambientale quindi ha anche dei vantaggi in termini di immagine.

Insomma investire in riqualificazione energetica per le imprese è fondamentale. Ad accorgersene, oramai da qualche anno, c’è stato anche il Governo che ha messo in campo diverse agevolazioni risparmio energetico per le imprese. Agevolazioni che dopo la pandemia, proprio anche per rilanciare l’economia, sono state rafforzate o prorogate.

Si lo sappiamo. Quando si tratta di agevolazioni risparmio energetico per le imprese il pensiero va subito alla giungla di termini complicati e burocrazia infinita che si deve superare per ottenerle. Ma in realtà, grazie anche a noi di Solar Cash, non è così. Dietro a termini specifici e apparentemente difficili ci sono in realtà delle possibilità di risparmio che non bisogna lasciarsi scappare. Per questo abbiamo deciso di elencare le agevolazioni risparmio energetico per le imprese per il 2023, come quelle per il sistema di riscaldamento, qui di seguito.

Agevolazioni risparmio energetico per le imprese: tutti gli incentivi migliori per il 2023

Quando parliamo di agevolazioni risparmio energetico per le imprese ci riferiamo alla possibilità di sfruttare degli incentivi statali. Lo Stato Italiano infatti ha previsto una serie di incentivi dedicati a tutte quelle imprese e/o attività che vogliono investire nel loro risparmio energetico e quindi nel loro abbattimento delle emissioni di CO2.

Come abbiamo avuto modo di anticipare brevemente la scelta di investire nell’efficienza energetica è saggia sia da un punto di vista aziendale, sia per il bene del Pianeta. Con gli incentivi messi a disposizione dallo Stato infatti, si migliora la qualità energetica della propria realtà imprenditoriale risparmiando sulle spese ed al tempo stesso facendo bene all’ambiente.

Abbiamo quindi realizzato questa piccola guida alle agevolazioni per il risparmio energetico per le imprese in cui elenchiamo quelle più interessanti e utili da sfruttare.

TEE, i Titoli di Efficienza Energetica per il risparmio energetico

I certificati bianchi o Titoli di Efficienza Energetica (TEE) sono uno strumento molto importante per incentivare le aziende o le imprese a migliorare il proprio status in termini di qualità energetica. Questo perché ricorrendo a questo strumento è possibile attestare i risparmi ottenuti tramite tutti gli interventi di miglioramento dell’efficienza energetica.

I TEE possono essere scambiati o valorizzati sulla piattaforma del Gestore dei Mercati Energetici ed è quindi possibile monetizzarli. Precisiamo che ogni TEE corrisponde al risparmio di un TEP, ossia una Tonnellata Equivalente di Petrolio.

Agevolazioni risparmio energetico per le imprese: Credito d’Imposta per beni strumentali

Altra agevolazione fiscale mirata al risparmio energetico delle imprese è il credito d’imposta per i beni strumentali. Questo incentivo statale mira a sostenere ed aiutare le imprese che hanno deciso di investire ingenti somme di denaro per l’acquisto di nuovi beni destinati alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi interni all’azienda. Tutto questo, ovviamente, sempre nell’ottica di migliorare l’efficienza energetica dell’impresa e della sua attività produttiva.

In particolare, chi si farà carico di queste spese per migliorie tecnologiche avrà diritto ad un credito d’imposta variabile dal 10 al 40% a seconda dell’ammontare dell’investimento.

Per tutti coloro che acquistano invece beni strumentali nuovi di altro genere, il credito d’imposta per il 2022 sarà del 6%.

L’agevolazione risparmio energetico imprese sarà valida per tutto il 2022 ma al momento non sappiamo se verrà prorogata anche il prossimo anno. Tuttavia, come già fatto in precedenza dagli altri governi, è probabile che questo incentivo venga prorogato ben oltre l’attuale data di scadenza.

La Nuova Sabatini per i beni strumentali

La Nuova Sabatini un’altra agevolazione risparmio energetico imprese che sostanzialmente non è altro che una remunerazione economica degli interessi di un finanziamento finalizzato all’acquisto di beni strumentali. In questo modo è possibile sfruttare parte dei 900 milioni di euro stanziati nel 2021 e 300 milioni stanziati nel 2022 dallo Stato per le agevolazioni finalizzate al risparmio energetico.

In altre parole, grazie alla Nuova Sabatini, le imprese possono accedere ad un credito finalizzato all’acquisizione di beni strumentali ad uso produttivo che permettono di migliorare la classe e l’efficienza energetica della propria azienda.

Anche in questo caso, al momento, il nuovo governo targato Giorgia Meloni, non si è espresso in merito ad un rifinanziamento della misura nel 2023. Non resta altro quindi che attendere l’approvazione della Legge di Bilancio 2023 per capire cosa ne sarà di questa misura.

Agevolazioni risparmio energetico per le imprese: Ecobonus 50-65%

L’agevolazione risparmio energetico per le imprese che viene individuata dall’Ecobonus è una detrazione fiscale per tutti i lavori di riqualificazione energetica eseguiti su strutture esistenti. La misura, è stata prorogata fino al 31 dicembre 2024 permette di detrarre il 50% o il 65% delle spese (ne parliamo meglio qui).

La detrazione può essere fruita in 10 rate annuali, per un massimo che va dai 30.000 ai 100.000 euro a seconda del tipo di intervento. In alternativà è possibile fruire dell’immediato sconto in fattura in cambio della cessione del credito d’imposta all’azienda che effettua i lavori. L’aliquota di detrazione varia in base agli interventi di riqualificazione energetica effettuati. Abbiamo suddiviso gli interventi in base alle detrazioni qui di seguito:

  • Detrazione al 50% per infissi, serramenti, schermature solari, caldaie a biomassa, caldaie a condensazione Classe A, installazione di impianti fotovoltaici.
  • Detrazione al 65% per caldaie a condensazione Classe A con sistema di termoregolamentazione evoluto, pannelli solari per l’acqua calda, pompe di calore, coibentazione, micro-cogeneratori, sostituzione di impianti preesistenti, building automation.

Incentivi per  le comunità energetiche

Tra le agevolazioni risparmio energetico per le imprese vi sono anche quelle relative alle comunità energetiche. Costoro non sono altro che un insieme di soggetti che, dotandosi di uno o più impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, condividono ed autoconsumano l’energia prodotta da questi impianti.

Consumando l’energia che producono i loro impianti, i membri della comunità energetica possono risparmiare notevolmente sui loro costi energetici. Inoltre i membri della comunità energetica possono fruire di tariffe agevolate per il consumo di energia (0,12 € / kWh per i consumatori, 0,18 € / kWh per i produttori). Tali tariffe, se unite all’energia autoprodotta dall’impianto aziendale, generano ulteriori risparmi.

Vuoi scoprire di più sulle agevolazioni risparmio energetico imprese per il 2023? Compila il modulo che trovi qui sotto ed aspetta la chiamata del nostro operatore! 

#gates-custom-638e5107d2451 h3:after {background-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e5107d2451 h3:after {border-color:#e6be1e!important;}#gates-custom-638e5107d2451 h3:before {border-color:#e6be1e!important;}

Compila il form con i tuoi dati ed attendi la chiamata del nostro operatore!


Compila il form con i tuoi dati
Translate »
Apri la chat
Hai bisogno di aiuto ?
Ciao
Come posso aiutarti ?